testata ADUC
Il narco messicano non va in quarantena: omicidi, sequestri e… cibo a domicilio
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
20 aprile 2020 15:54
 
 Da diversi giorni, sui social network, si possono trovare varie foto che mostrano le consegne di cibo in aree povere di vari stati della Repubblica messicana. La cosa strana non è il concetto stesso, ma i loghi che si trovano nelle scatole del cibo: Jalisco Nueva Generación Cartel e Cartel del Golfo, invece di quelli del governo del Messico. Gli uomini armati delle organizzazioni, vestiti con le loro uniformi e nel ruolo del buon bandito di Eric J. Hobsbawm, si appropriano del ruolo dell'Amministrazione.
Nel frattempo, come si può vedere nei portali di notizie, nella informazioni ufficiali messicane e nelle statistiche, la violenza non si ferma. Con 2.585 vittime da omicidio, il mese di marzo ha ancora una volta battuto il record di sangue, con record di notizie di scontri tra forze dell'ordine e criminali, nonché esecuzioni e rapimenti.

Secondo l'analisi di vari accademici, l'emergenza globale e nazionale dovuta al coronavirus, e le chiusure e il confinamento delle frontiere stanno influenzando le finanze della criminalità organizzata. Molti di questi testi sono disponibili presso InSight Crime, una fondazione dedicata allo studio e alle indagini sulla criminalità organizzata in America Latina e nei Caraibi.

Ad esempio, nel testo "Il coronavirus comprime le finanze dei cartelli in Messico", si fa un resoconto di varie notizie che riferiscono come i contatti con la Cina danno input ai gruppi criminali messicani, come articoli su come produrre i precursori chimici necessari alla realizzazione del fentanil perché, a causa della pandemia, le spedizioni non arrivano. Un altro fattore da considerare è un calo più che accentuato del consumo di droga negli Stati Uniti, il loro principale cliente.

Un altro articolo, "Il coronavirus influenza le dinamiche di estorsione in Messico e in America centrale", riferisce come in Messico, l'Unione di Tepito, l0organizzazione criminale principale della capitale, avvisava i commercianti nel centro storico e di altre aree che la raccolta del pizzo sarebbe stata mantenuta anche se in modo più lento, nonostante la chiusura delle attività stabilite dalle autorità. In America Centrale, al contrario, alcune bande di El Salvador e Guatemala hanno annunciato che smetteranno di raccogliere le estorsioni, mentre altre hanno fatto sapere che continueranno.

Sopportare la pausa
Il crimine dipende dalla società in cui agisce. I grandi cartelli, essenzialmente società globalizzate che spostano milioni e milioni di dollari con strutture e connessioni in dozzine di Paesi, sono vulnerabili ai cambiamenti internazionali. L'effetto dipenderà anche dalle dimensioni delle organizzazioni e, al loro interno, dal livello criminale. Cioè, andando più in basso nella catena produttiva e distributiva, più è difficile sopportare l'interruzione delle attività e maggiore è la probabilità che questi soggetti siano costretti a commettere altri crimini.

In una rubrica pubblicata sul quotidiano El Universal, si parla di un documento, "Il crimine organizzato durante la pandemia", scritto dal Ministero della sicurezza e della protezione dei cittadini e dal National Intelligence Center. In esso si prevede che "la miscela di disperazione sociale e presunto vuoto di autorità che può essere generata nella fase avanzata della pandemia, sarà sfruttata dal crimine organizzato per rafforzare il loro controllo su comunità e località che considerano strategiche o per la nascita di nuovi gruppi di autodifesa”.
La loro analisi prevede un aumento di rapimenti, aggressioni e rapine, con i criminali che si concentrano sulle case degli anziani, delle madri single e delle persone con disabilità, e persino presentandosi come personale medico.
Il documento contiene anche alcuni dati: nonostante esistono misure di confinamento sociale, in un mese sono stati commessi 1.497 omicidi legati alla criminalità organizzata. I trafficanti di droga stanno combattendo per le "poche opportunità criminali disponibili", poiché la contingenza ha generato una forte pressione economica sulle organizzazioni più piccole, quelle che vivono più a lungo e non hanno grandi riserve di liquidità.
Secondo i dati della Commissione economica per l'America Latina e i Caraibi, l'economia del Messico avrà una restrizione fino al 6% del prodotto interno lordo. La consegna di cibo, dicono, è un modo di costruire una base sociale che li aiuta a sopravvivere nei mesi che seguono nel mezzo della più grande emergenza globale in quasi un secolo.

(articolo di Paulino Veigas, pubblicato su El Español.com del 20/04/2020)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori