testata ADUC
La nuova guerra dell’oppio?
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
29 maggio 2019 0:22
 
 Felicitandosi, pochi giorni fa, della posizione bellicosa degli Stati Uniti nei confronti della Cina, Steve Bannon, ex consigliere del presidente Trump, ha riassunto in una frase la convinzione che è alla base di questa crociata: "La Cina ha preso i nostri posti di lavoro e ci ha inviato i suoi oppiacei". Questa storia che è diventata un ritornello dal 2016, insinua che la Cina raddoppierebbe lo smantellamento e la disperazione degli americani chiudendo le loro fabbriche, confiscando il loro futuro, e inondandoli di oppioidi sintetici con la complicità dei cartelli messicani che avrebbero portato droga nei paesini più remoti della Virginia o del Kentucky. L'America sta affrontando una delle più gravi crisi sanitarie della sua storia, una tossicodipendenza da oppiacei, che negli ultimi anni ha visto milioni di persone dipendenti da antidolorifici rivolgersi a farmaci illegali e a basso costo prodotti in Cina. La colpa è facile, la storia è vecchia. Imponendo a Xi Jinping il divieto di esportazione sul suolo americano del fentanil, la forma più letale di oppiacei in circolazione, Trump ha fatto circolare ancora una volta il mito secolare della Cina che cospira per inondare il mondo occidentale con una spessa cortina di fumo psicoattivo.

Quando i primi immigrati cinesi arrivarono in California nel 1850, si trovarono di fronte a un'ostilità razziale viscerale. Erano accusati di aver rubato il lavoro a persone che lo meritavano e di usare le loro fumerie di oppio come laboratori in cui avrebbero preparato la grande sedazione delle donne bianche. Chiamati "Coolies", classe servile, erano visti anche come una minaccia alla dignità dei lavoratori bianchi e alla forza nazionale. Nel 1862, una legge "anti-Coolies" mirò ad escluderli dalla California, prefigurando la legge federale del 1882 che li buttava fuori. Per la prima volta nella sua storia, il governo degli Stati Uniti discriminò gli immigrati di origine etnica e senza dubbio quell'odio anti-cinese, che si manifestò poi violentemente nell’ovest, aveva origine da questo divieto. I cinesi sono "non assimilabili", si disse, e la loro presenza sul suolo americano era promessa di dissolutezza e degenerazione.
Combattere l'oppio, la droga che “razzialmente" è parte dei cinesi (mentre gli oppiacei sono ampiamente consumati dalla società nel suo complesso) è quindi un'arma dell'arsenale del nativismo per proteggersi dalla loro "invasione culturale" . È solo alla luce della fantasia del "pericolo giallo" che comprendiamo la prima legge sugli stupefacenti mai adottata negli Stati Uniti, approvata nel 1875 a San Francisco e che si rivolgeva solo all'oppio. Nel 1909, la "legge anti-oppio" adottata dal Congresso sottolineava la sua base xenofoba concedendo l’amnistia a coloro che bevevano o si iniettavano soluzioni oppiacee, una modalità di somministrazione di questa sostanza molto diffusa tra i bianchi.

Questo substrato ideologico non è mai scomparso e il mito della Cina come grande spacciatore d'America ha resistito. Negli anni '50, Harry J. Anslinger, presidente del Federal Bureau of Narcotics, l'agenzia nazionale antinarcotici che lavora in tandem con l'FBI, getta la voce che la "rossa" Cina cospirerebbe per distruggere l'Occidente inondandolo di potenti oppiacei, specialmente di eroina. Spalleggiato dalla stampa, afferma che la Repubblica comunista è impegnata in un piano da un quarto di secolo per trasformare gli abitanti del mondo "libero" in cammei e dissolutezze. Al centro della guerra fredda e della sua deriva paranoica, la sua favola è poco contestata, e si diffonde l’idea che le famiglie americane siano minacciate nella loro intimità dal nemico cinese.

Questa retorica ha avuto effetti disastrosi per la percezione e la cura dei giovani tossicodipendenti americani: dal momento che si trattava di combattere contro i nemici della libertà e della democrazia, si sarebbe dovuta applicare solo brutalità e carcerazione criminale. Narcotici e sovversione antiamericana divennero sinonimi. Da allora in poi, tutti i consumatori di strada rappresentano un'equazione criminale che trova il suo punto d'incandescenza con la "guerra alla droga" lanciata da Reagan negli anni '80 con l’indurimento delle sanzioni sulla marijuana, privando di cure i tossicodipendenti, coi governi che hanno indirizzato i consumatori verso sostanze più economiche e brutali come il crack, un mediocre derivato della cocaina. È quest'ultimo che si è “razzializzato”, identificato con i neri. La criminalizzazione dei consumatori avrà ripercussioni drammatiche per le comunità coinvolte, che hanno altissimi tassi di persone in prigione.

Il mito del male con la Cina che avrebbe inondato di oppio l'America ha contribuito al confinamento del Paese in un sistema che ha dato vita alle dipendenze americane: la criminalizzazione dei tossicodipendenti di strada, spesso neri e mulatti e, naturalmente – dall’altra parte dello specchio - scarsa attenzione nei confronti della dipendenza da parte delle strutture mediche, grazie anche ad industrie farmaceutiche predatorie, condizionate da medici influenzati dalle holding private di assicurazioni in cerca di profitti. Mirando alla classe media e ai suoi problemi sociali, promuovendo abilmente i farmaci legali e razzialmente accettabili, i produttori hanno agito impunemente nel momento in cui migliaia di piccoli spacciatori hanno chiuso il loro commercio e perso i loro clienti.

Incolpare la mancanza di regolamentazione da parte della Cina, oggi è poco sensato. Perché è la mancanza di controllo pubblico negli Stati Uniti che ha permesso l'intossicazione premeditata di milioni di americani, quindi è la mancanza di politiche sanitarie che permettano l'accesso a centri di disintossicazione e a trattamenti alternativi che hanno costretto i tossicodipendenti a ricorrere a droghe sintetiche "Made in China". La demolizione del sistema sanitario “Obamacare”, che viene perseguita di soppiatto sostituendolo con un piano sanitario chiamato Graham Cassidy, è un buon incentivo per ripristinare la deregolamentazione del business della salute entro il 2020. Nonostante ciò che sta accadendo, i principali gruppi farmaceutici prosperano, e nessun governo (non certo Alex Azar, Segretario di Stato per la Sanità, ex direttore di una delle più grandi società farmaceutiche del Paese e lobbista patentato) pensa di supervisionare la loro attività. Eppure sono loro che hanno sommerso il Paese di oppiacei. Proprio come accadde in Inghilterra che nel 1830 inondò la Cina di oppio e non il contrario, è a Washington, non a Pechino, che è nato il grande drago della tossicodipendenza.

(articolo di Sylvie Laurent - storica e autrice de «La Couleur du marché. Racisme et néolibéralisme aux Etats-Unis» -  pubblicato sul quotidiano Libération del 28/05/2019)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori