testata ADUC
Il sommelier canadese della marijuana
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
6 giugno 2019 11:40
 
La società AHLOT ha lanciato un appello nel settembre 2018 per cercare un gruppo di assaggiatori di cannabis al fine di selezionare e commercializzare prodotti di alta gamma, seguendo il nuovo quadro legale ricreativo dell’erba in Canada. "Eravamo circa 25.000 candidati, l’appello era solo per i canadesi, ma l’amplificazione data dai media ha fatto venire gente da tutto il mondo", dice al quotidiano EL PAÍS José Domínguez, uno degli otto finalisti. "AHLOT ha creato una squadra con profili diversi, anche se tutti con molta esperienza, io, per esempio, provengono dal settore coltivazioni", aggiunge.

José Domínguez riceve dall'AHLOT 50 dollari canadesi (circa 33 euro) per ogni ora in cui aspira il fumo di cannabis, anche se non può superare le 20 ore al mese. È necessario compilare diversi rapporti, tenendo conto di aspetti come aroma, gusto, effetti psicotropi e presentazione. "Il consumatore di cannabis lo apprezzerà prima attraverso gli occhi, poi con il naso e poi con la bocca". "Grazie alla mia esperienza di coltivatore, sono molto interessato a come la pianta è cresciuta". Dominguez dice che per la degustazione fuma delle sigarette impacchettate o usa il vaporizzatore. Ma se un prodotto attira la tua attenzione, lo consuma in entrambi i modi per distinguere meglio le sfumature. Hai qualche predilezione tra tutte le varietà di indìca, sativa e ibrida? "Mi piace molto, non ho una preferenza specifica, è come il vino: ce n'è uno adatto per ogni occasione."

Nato 37 anni fa nella città di Sherbrooke, in Quebec, Domínguez è di padre messicano (di Coahuila) e madre canadese (del Quebec). "Vengo da una famiglia molto conservatrice nel campo della cannabis, ma hanno capito che è una passione e un'attività che ho preso molto seriamente, soprattutto per quanto riguarda la sua coltivazione", spiega. Domínguez dice che ha cominciato a fumare marijuana a 17 anni con gli amici, anche se sporadicamente. A 23 anni, quando ha lavorato in un negozio di materiali e accessori per l'idroponica, ha incontrato un individuo che è stato autorizzato a piantarla per ragioni mediche. "Mi ha chiesto di dargli una mano". Dal 2001, la marijuana medica è legale in Canada.

A poco a poco, Domínguez aggiunge conoscenza. "Stavo migliorando il modo in cui l'ho coltivata, ho iniziato a fare test e combinando diversi tipi, ho anche avuto l'opportunità di incontrare altre persone interessate all'argomento, dentro e fuori il Canada". Di conseguenza, altri pazienti gli hanno chiesto di prendersi cura delle loro piante. Nel 2009, Dominguez ha subito un incidente che gli ha causato problemi alle gambe; anche stress post-traumatico. Un medico lo ha autorizzato a piantare la sua marijuana per alleviare questi dolori. Nel 2017, lui e altri suoi soci hanno ottenuto una licenza commerciale per produrre cannabis terapeutica. Tuttavia, hanno venduto l'azienda un anno dopo. Attualmente, oltre al suo lavoro come assaggiatore per AHLOT, Domínguez è responsabile della società di consulenza CannaCopeia. Continua a piantare marijuana, ma solo per uso personale.

La sua professionalità gli ha anche permesso di ottenere una lunga lista di premi. Infatti, è il coltivatore privato di marijuana di maggior successo in Canada (le sue varietà hanno vinto 43 premi). Ha anche pubblicato le sue opinioni sul Journal de Montréal sui prodotti disponibili nella Quebecee Cannabis Society. "Sono rimasto deluso da alcuni acquisti che ho fatto nei primi giorni della legalizzazione, ma sono tornato poi in quei nei negozi e la qualità è migliorata, dobbiamo essere pazienti".

Va ricordato che la marijuana ricreativa è stata legalizzata in Canada meno di 8 mesi fa. Gli alimenti e le resine a base di cannabis saranno legali in Canada a ottobre.

Domínguez ritiene che il mercato del suo Paese seguirà lo stesso percorso di quello di alcuni Stati degli Usa. "La maggior parte delle vendite saranno prodotti derivati, penso che fumare marijuana sarà una prerogativa più che altro di una fascia alta".

(articolo di Jaime Porras Ferreyra, da Montreal, pubblicato sul quotidiano El Pais del 06/06/2019)
 
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori