testata ADUC
Spice, la droga degli zombi. Consiglio comunale britannico: abbiate compassione
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
3 ottobre 2018 17:50
 
 Un consiglio comunale ha esortato le persone a mostrare "compassione" non scattando fotografie di persone per le strade che soffrono gli effetti della droga spice. Le persone dovrebbero invece chiedere aiuto se vedono qualcuno sotto gli effetti della sostanza, ha fatto sapere il Consiglio comunale di Sheffield.

"Le droghe come spice possono essere dolorose sia per il consumatore che per coloro che le subiscono passivamente. Per favore, sii compassionevole non scattare foto", ha scritto l'autorità comunale su Twitter.
Il consiglio ha anche indicato alle persone di chiamare il 999 [ndr – numero di emergenza sanitaria] se incontrano qualcuno che si trova in gravi condizioni di salute o incosciente per strada.
I tossicodipendenti di spice sono spesso definiti "zombi", a causa dell'effetto debilitante che il sostituto sintetico di cannabis può avere sui tossicodipendenti.
Immagini e filmati provenienti da tutta la Gran Bretagna di consumatori di questa droga, incoscienti, abbandonati per terra o che si sforzano per stare in piedi, sono regolarmente condivisi sui social media.

Addaction, associazione di volontariato contro l’abuso di droghe, ha elogiato l'approccio "umano" del Consiglio di Sheffield ai problemi delle droghe, ricordando che coloro che assumono spice sono persone malate.
"La compassione per le persone la cui vita ha preso un indirizzo sbagliato è davvero importante", ha detto un portavoce dell'ente benefico. "Il consiglio comunale di Sheffield sta adottando un approccio umano e ragionevole; li ringraziamo per questo. Fotografare le persone quando non stanno bene è inutile”.
"Nessuno decide di diventare dipendente da spice, le cose accadono casualmente e possono portare le persone a percorrere quella strada. Chi vi rimane coinvolto ha bisogno di aiuto e non di giudizi".
La spice è diventata per la prima volta molto consumata nel Regno Unito perché era legale, ma ben presto si è fatta una propria cattiva reputazione per i suoi gravi effetti collaterali tra cui psicosi, allucinazioni e comportamenti aggressivi.
Il suo uso è diventato particolarmente diffuso nelle carceri, dove alcuni funzionari degli istituti enitenziari hanno fatto sapere di essersi ammalato o di essere svenuti a causa dell'esposizione al fumo della droga.
La spice è diventata una sostanza vietata di Classe B nel 2016, sebbene 20 dirigenti della polizia e dell’anticrimine di tutta la Gran Bretagna abbiano chiesto che venga inserita nella Classe A, la categoria più forte delle droghe proibite.

(Articolo di Tom Barnes, pubblicato sul quotidiano The Independent del 03/10/2018)
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori