testata ADUC
 FILIPPINE - FILIPPINE - Guerra alla droga e censura. Nuova legge del presidente Duterte
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
4 luglio 2020 19:28
 
Venerdì 3 luglio il presidente filippino Rodrigo Duterte ha promulgato una legge antiterrorismo che l'opposizione considera possa essere usata per zittirli
La legge, approvata il mese scorso dal Parlamento e criticata da gruppi per i diritti umani, consente al presidente Duterte di nominare un avvocato che potrebbe ordinare l'arresto di sospetti terroristi senza mandato.
Inoltre apre la strada a diverse settimane di detenzione senza accusa, una procedura ritenuta necessaria dal governo per combattere le ribellioni comuniste e islamiste.
Questa promulgazione "mostra la serietà del nostro impegno per sradicare il terrorismo, che ha da tempo travolto il nostro paese e provoca dolore inimmaginabile a gran parte della nostra popolazione", ha commentato il portavoce di Duterte Harry Roque.
Ma i suoi oppositori sostengono che la definizione di terrorismo nella legge è vaga e potrebbe rafforzare la campagna di Duterte contro di loro. Alcuni oppositori sono già in prigione o sotto processo dopo aver criticato le sue politiche, compresa la sua guerra alla droga che ha già ucciso migliaia di persone.
"Sotto la presidenza di Duterte, anche i più moderati critici del governo possono essere chiamati terroristi", ha dichiarato il direttore di Amnesty International perl' Asia Nicholas Bequelin. "Il governo ha infatti sviluppato una nuova arma per schedare e inseguire chiunque sia percepito come un nemico dello stato".
"Nell'attuale clima di impunità, una legge vaga nella sua definizione di" terrorismo "non può che aggravare gli attacchi contro i difensori dei diritti umani",
ha aggiunto.
La legge definisce il terrorismo come l'intenzione di ferire o uccidere, danneggiare il governo o la proprietà privata o usare armi di distruzione di massa per "diffondere un messaggio di paura" o intimidire il governo.
I sospettati potrebbero essere arrestati per un massimo di 24 giorni senza accusa, e questo secondo gli oppositori viola il limite costituzionale di tre giorni.
Con questa legge, "Il presidente Duterte ha fatto precipitare la democrazia filippina in un abisso", secondo Phil Robertson, vicedirettore per l'Asia della ONG Human Rights Watch. "La legge minaccia di peggiorare in modo significativo la situazione dei diritti umani nelle Filippine, che è peggiorata da quando la guerra alla droga è iniziata quattro anni fa".
Secondo un rapporto pubblicato il mese scorso dalle Nazioni Unite, almeno 8.663 persone sono state uccise nella "guerra", con "quasi impunità" per gli autori.
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori