testata ADUC
Movimento Black Lives Matter. Bene… e i decreti sicurezza in Italia?
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Vincenzo Donvito
18 giugno 2020 11:28
 
  Il movimento “Black Lives Matter” si è mondializzato e sta assumendo sempre più la forma propositiva. Ogni giorno ci sono manifestazioni in qualche parte del mondo, Italia compresa. La postura con un ginocchio in terra è diventata un simbolo di riscatto sociale e politico per tutti coloro che manifestano contro qualche sopruso o oppressione o dimenticanza dello Stato.
Ma perché questo movimento si possa considerare mondiale non è sufficiente aspettare qualche conseguenza sulla politica Usa. Occorre che ognuno guardi se stesso e scopra quali sono le “vite dei neri che contano” nella sua quotidianità. Cioè quali le leggi e le norme che, ruotando su “razzismo, sicurezza, polizia e democrazia” provocano problemi.

I decreti sicurezza che il governo in carica nel suo insediamento a settembre scorso si era impegnato a rivedere, sono sempre lì. Ci sono fior fiore di parlamentari ed esponenti di questo governo che si inginocchiano ovunque, ma i decreti sicurezza che comminano multe stratosferiche a chi salva vite in mare, sono lì. Come è lì lo ius soli. Si discute se sia giusto imbrattare o meno la statua di Indro Montanelli, ma i decreti sicurezza sono lì. Possibile che tra i tanti inginocchiatori non si sia fatta strada questa contraddizione e questa necessità di dar corpo ai propri impegni?
Di movimenti che diventano mode non ne abbiamo più bisogno.
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori