testata ADUC
Recesso anticipato della locazione
Scarica e stampa il PDF
Lettera 
22 maggio 2020 0:00
 
Sono locatore di un fondo uso uffici (1° piano) di un immobile posto in Vaiano (PO) e locato alla Società Immobiliare Artigianato Pratese CNA S.r.l. società soggetta alla direzione e coordinamento della CNA Toscana Centro.
In data 04/05/2020 ho ricevuto una lettera raccomandata A.R. con la quale la Società Immobiliare (conduttore) mi comunicava il recesso dal contratto di locazione stipulato in data 01/07/2011 e rinnovato tacitamente il 01/07/2017, ai sensi dell'art. 27/legge 392/1978; inoltre il recesso avrà effetto dal giorno 31/10/2020, entro il quale il fondo sarà reso libero e nella mia disponibilità.
Vorrei quindi conoscere quanto segue:
- nella comunicazione non viene indicata la causa del recesso; è corretto?
- nel caso in cui la CNA Toscana Centro, che ha nell'immobile i propri uffici, avesse intenzione di locare o acquistare un immobile di minor dimensioni, e quindi con canone più basso, perché le attività sono sempre più telematiche, sempre in Vaiano (PO), può recedere, attraverso la Società Immobiliare, dal
contratto?
- il 30/06/2020 devo aggiornare il canone di locazione (dati ISTAT) e a partire dal 01/07/2020 ci sarà il nuovo canone e il contratto durerà solo 4 mesi (01/07-31/10/20);l'imposta di registro del contratto è annuale, è corretto che dovrò pagare solo 4 mesi, mentre i mesi rimanenti sono a carico del conduttore?
-inoltre la chiusura anticipata del contratto di locazione mi obbliga a comunicarlo all'Agenzia dell'Entrate e la relativa spesa (67,00 euro?) è a carico del solo conduttore, è corretto?
- la manutenzione delle persiane dell'immobile (perdita della vernice e perdite di legno marcito), già comunicata due anni fa con lettera raccomandata A.R. deve essere effettuata prima della riconsegna dell'immobile? come pure la caduta di parte dell'intonaco dalla terrazza, presente nell'immobile stesso?
Grazie.
Giuseppe, dalla provincia di PO

Risposta:
Nell'ordine di presentazione dei quesiti:
1) la legge consente di recedere dalla locazione per "gravi motivi" a condizione però che:
- si tratti di motivi sopravvenuti, imprevedibili al momento della firma del contratto di affitto; COME INFATTI è IL CORONAVIRUS E LE SUE CONSEGUENZE.
- si dia un preavviso di sei mesi dalla data di arrivo della lettera del conduttore
2) non vediamo perche' no
3) si', se il frazionamento dell'eventuale imposta è consentito dall'Ufficio preposto
4) lei sara' obbligato a formalizzare ad AdE la chiusura del contratto entro il 30/09/2020, con pagamento dell'imposta a carico solidale di entrambi i contraenti.
5) dovra' accordarsi con il conduttore per le modalita' dell'intervento di manutenzione straordinaria, specie se questo interferisce in tutto o in parte con la sua attività professionale.
 
 
LETTERE IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori