testata ADUC
 URUGUAY - URUGUAY - Cannabis terapeutica prescritta dal 53% dei medici
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
9 settembre 2021 3:35
 
 Un sondaggio condotto dall'Università Cattolica dell'Uruguay rivela che la maggior parte dei medici del Paese è disposta a raccomandare l'uso della cannabis medica.

Uno studio intitolato "Cannabis medica in Uruguay: uno studio sulla comunità medica e le sfide persistenti", condotto intervistando 275 medici di famiglia, ha rivelato risultati molto incoraggianti. La maggior parte ha affermato che prescriverebbe il farmaco (64%) e solo il 21% è indeciso, con solo il 15% che risponde che non lo somministrerebbe. Neurologi, internisti, reumatologi e chirurghi hanno maggiori probabilità di scrivere prescrizioni per i loro pazienti.

Le condizioni più comuni per le quali la cannabis viene prescritta a livello medico sono i reumatismi, le malattie neurologiche in generale, il cancro, il dolore cronico, i pazienti con cure palliative e quelli con malattie mentali.

Oltre il 90% degli intervistati ha affermato che era importante includere il sistema endocannabinoide nell'istruzione medica sia universitaria che universitaria.

E’ bene ricordare che, anche se l'Uruguay è stato il primo paese al mondo a legalizzare la cannabis ricreativa, la cannabis medica in generale è in ritardo.

Incoraggiare gli sviluppi medici nell’ambito di una maggiore riforma

Il sondaggio è certamente una notizia gradita in un mondo in cui la comunità medica non si è entusiasmata particolarmente rapidamente all'idea della cannabis come droga medica legittima. La maggior parte dei medici in posti come il Canada o addirittura in tutta Europa la guarda ancora con un notevole sospetto, principalmente a causa della loro scarsa familiarità con la pianta, per non parlare dello stigma duraturo che esiste ancora in molti programmi medici.

A partire da questo aprile, infatti, uno studio dell'Ontario suggerisce che la maggior parte dei medici della provincia è ancora riluttante a prescrivere cannabis per curare il dolore cronico. Questo sondaggio è in linea coi risultati del 2019, su base nazionale, della Canadian Medical Association. Ma la mancanza di accettazione da parte della comunità medica non ha rallentato la crescita dell'intero settore. Il numero di canadesi che hanno ammesso di usare cannabis, per qualsiasi motivo, è cresciuto da meno di 24.000 a giugno 2015 a oltre 370.000 a settembre dello scorso anno.

In posti come la Germania, dove la cannabis medica coperta da assicurazione ha ancora meno di cinque anni, i medici sono riluttanti a prescriverla, ma per ragioni che esulano dalla sua efficacia medica, vale a dire la responsabilità finanziaria che devono ancora affrontare per prescrizioni eccessive.

L'educazione alla cannabis è priorità assoluta in quasi tutti i paesi in via di legalizzazione, ma forse l'Uruguay può continuare ad essere punto di riferimento.

(Marguerite Arnold su ICBC . International cannabis business conference - del 07/09/2021)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori