testata ADUC
 U.E. - U.E. - Cbd. Il divieto della Francia viola norme comunitarie
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
15 maggio 2020 16:43
 
Il divieto della Francia di commercializzare tutti i prodotti a base di CBD derivati dalla canapa contraddice il diritto dell'UE in materia di libera circolazione delle merci. Così ieri 14 maggio si è espresso l’avvocato generale della Corte di giustizia dell'Unione europea in un parere legale.
L'opinione dell'avvocato generale, se sarà seguita da sentenza del tribunale dell'UE, costituirebbe un precedente vincolante e avrebbe un impatto significativo sull'industria del CBD in Europa, aprendo la strada a disposizioni simili in altri Stati membri dell'UE da contestare dinanzi ai tribunali nazionali.
La sentenza della Corte di giustizia sul caso è prevista per questo autunno. Nella stragrande maggioranza dei casi, il tribunale segue l'opinione dell'avvocato generale.
In questo caso, l'avvocato generale Evgeni Tanchev ha scritto che il diritto dell'UE sulla libera circolazione delle merci proibisce alla Francia o a qualsiasi altro Stato membro dell'UE di vietare l'importazione di CBD da un altro Stato membro in cui tale olio viene estratto dall'intera pianta di canapa.

La Francia consente la coltivazione della canapa, ma limita gli usi legali della pianta ai suoi componenti in fibra e grano.
"Se l'olio di CBD dovesse essere considerato una droga narcotica non rientrerebbe nel campo di applicazione" delle normative UE sulla circolazione delle merci, ha scritto Tanchev., che ha aggiunto: "A mio avviso, non è così."
Secondo Tanchev, il tribunale francese deve prendere posizione sul fatto che sia stato scoperto o studiato qualsiasi rischio associato agli effetti non inebrianti del CBD.
Se il tribunale francese dovesse constatare l'esistenza di un tale rischio, una misura alternativa - ad esempio un limite massimo al contenuto di CBD - che non sarebbe altrettanto restrittivo per la libera circolazione delle merci, sarebbe più adeguato.
Il caso ha avuto origine in una controversia in Francia sulla commercializzazione di un prodotto di svapo di CBD il cui contenuto è stato importato dalla Repubblica ceca.
L'ex manager Kanavape Antonin Cohen e l'ex condirettore Sébastien Béguerie, che ha commercializzato la sigaretta elettronica, sono stati condannati penalmente da un tribunale di Marsiglia in quanto l'olio di CBD contenuto nelle cartucce è stato estratto dall'intero impianto di canapa, incluse foglie e fiori.

Secondo la legge francese, solo la fibra e i semi di canapa possono essere coltivati, importati, esportati e utilizzati per scopi industriali e commerciali. Ciò significa che sono vietati tutti i prodotti a base di CBD derivati ??dall'intera pianta di canapa.
Eveline Van Keymeulen, avvocato parigino di Allen & Overy, che ha rappresentato Cohen nel caso della CGUE, ha definito la pronuncia "un passo cruciale verso l'armonizzazione normativa necessaria e la certezza del diritto per l'industria della CBD in Europa".
"Non solo richiederebbe alla Francia di adattare la propria legislazione al fine di consentire la commercializzazione del CBD estratto dall'intera pianta della canapa, ma potrebbe anche costringere altre autorità nazionali a (ri) esaminare le restrizioni esistenti relative ai prodotti derivati ??dalla canapa alla luce delle libera circolazione delle merci nell'UE ", ha scritto Van Keymeulen in una nota.
"Una regolamentazione chiara e proporzionata dei prodotti a base di CBD andrà a beneficio dei consumatori dell'UE", ha aggiunto.

La Corte di giustizia dell'UE interpreta il diritto dell'UE per assicurarsi che sia applicato allo stesso modo in tutti i paesi dell'UE e risolve le controversie legali tra i governi nazionali e le istituzioni dell'UE.
Il caso Kanavape era stato trasmesso al tribunale dell'UE dalla Corte d'appello di Aix-en-Provence in Francia.
 
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori