testata ADUC
 USA - USA - Industria discografica fa causa a chi copia canzoni dai propri Cd sul computer
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
31 dicembre 2007 0:00
 
L'industria discografica statunitense, rappresentata dalla Recording Industry Association of America, ha citato in giudizio oltre 20mila utenti che hanno scaricato canzoni protette dal copyright da Internet.
Ma in Arizona sono andati oltre. Per la prima volta l'industria ha deciso di perseguire un utente che ha semplicemente copiato dei Cd regolarmente acquistati e di sua proprieta' sul computer. Per i legali della Riaa, infatti, queste registrazioni costituiscono copie non autorizzate di materiale protetto.
Secondo un sondaggio del Los Angeles Times, il 69 percento dei giovani copia sul proprio computer o sul proprio lettore Mp3 i propri Cd.
Ma per la Riaa, il "ripping" del Cd equivale al furto, come viene spiegato sul loro sito.
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori