testata ADUC
 MONDO - MONDO - Riscaldamento climatico. Non facendo nulla potrebbe costare 600.000 miliardi di dollari entro la fine del secolo
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
19 aprile 2020 12:02
 
Il mancato raggiungimento degli obiettivi dell'Accordo di Parigi per il riscaldamento globale potrebbe costare fino a $ 600.000 miliardi entro la fine del secolo, secondo uno studio pubblicato martedì su Nature Communications.
L'accordo firmato nel 2015 ha come obiettivo di contenere il riscaldamento globale "significativamente al di sotto dei 2 gradi centigradi rispetto ai livelli preindustriali" e, se possibile, a 1,5 gradi, con i Paesi che si impegnano a "contributi nazionali” (NDC) da rinnovare ogni cinque anni.

Il rispetto dell'accordo di Parigi costerebbe meno
Tuttavia, gli attuali NDC - che dovevano essere rivisti durante la COP 26 a novembre a Glasgow, rinviati a causa della pandemia di Covid-19 - collocano il pianeta sulla traiettoria del riscaldamento globale da 3 a 4 gradi entro il 2100, secondo gli esperti delle Nazioni Unite. Lo studio analizza i costi (danni legati ad eventi climatici, ad esempio) nonché gli investimenti (in particolare le tecnologie a basse emissioni di carbonio) per valutare le perdite o i guadagni teorici per l'economia mondiale in base a diversi scenari.
Il mancato raggiungimento degli obiettivi dell'accordo di Parigi potrebbe quindi costare tra 126.000 e 616.000 miliardi di dollari, mentre l'economia mondiale potrebbe vedere guadagni da 336.000 a 422.000 miliardi rispettando gli obiettivi di 2 o 1,5 gradi rispettivamente. E il mancato rispetto degli attuali NDC, considerato che gli Stati Uniti di Donald Trump devono ritirarsi dall'accordo di Parigi in autunno, potrebbe comportare perdite che vanno da 150.000 a 790.000 miliardi.

Incoraggiare gli investimenti in tecnologie a basse emissioni di carbonio
Al contrario, il bilanciamento di perdite e ricavi richiederebbe investimenti tra 18.000 e 113.000 miliardi di dollari, di cui oltre il 90% dai Paesi del G20, secondo lo studio. "L'implementazione di una strategia per preservare se stessi richiede la consapevolezza della gravità del riscaldamento globale per consentire progressi nelle tecnologie a basse emissioni di carbonio", ha affermato Biying Yu, del Beijing Institute of Technology, autore principale dello studio, rilevando che i Paesi generalmente privilegiano i guadagni a breve termine rispetto agli investimenti climatici.
"Senza questi investimenti, le emissioni (di gas a effetto serra) non possono essere ridotte e il danno climatico avrà maggiori probabilità di verificarsi, con conseguenti immense perdite economiche. Se i Paesi sono consapevoli che subiranno queste perdite se non riducono le loro emissioni, saranno più razionali nelle loro scelte, rafforzando la loro risposta ai cambiamenti climatici? Chiede il ricercatore.
(AFP)
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori