testata ADUC
Canone/Imposta Rai. Chi sta fregando la concorrenza sulle forme di pagamento? Denuncia all'Antitrust
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Vincenzo Donvito
10 gennaio 2011 15:16
 
 Dallo scorso 31 marzo le Poste sono impegnate, dopo accordo con l'Antitrust, ad inserire sui bollettini postali per il pagamento del cosiddetto canone Rai, anche le apposite caselle per l'indicazione del numero IBAN; in questo modo la concorrenza sarebbe salva, perche' l'utente non sarebbe obbligato a pagare l'imposta solo attraverso le Poste, al costo di euro 1,10 euro per il pagamento allo sportello (piu' il tempo per fare la fila) e a 1 euro per il pagamento sul conto postale on line o 2 euro con carta di credito, che diventano 2% dell'importo quando si versano piu' di 100,00 euro. Il pagamento potrebbe essere effettuato anche attraverso la propria banca, alle condizioni del proprio rapporto che, spesso, prevede un certo numero di operazioni gratuite.
“Fatta la norma gabbato lo santo”! Perche' la Rai invia a case dei contribuenti il bollettino delle Poste, ma sulle caselle dell'Iban non si puo' scrivere nulla in quanto ci sono degli asterischi. Non solo, ma se si va sul sito della Rai, l'unico metodo di pagamento indicato e' quello con bollettino postale (http://www.abbonamenti.rai.it/Ordinari/PerAbbonarsi.aspx).
Allora i casi sono due:
- la Rai e' inadempiente perche' vuol vessare i contribuenti;
- la Rai ha fatto un accordo (ignoto anche all'Antitrust) con Poste italiane in barba alla legge.
Per questo motivo abbiamo investito la specifica Autorita' Antitrust perche' indaghi su queste ipotesi.
Qui il nostro canale web contro il canone Rai

 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori