testata ADUC
Governo. Tav: a volte ritornano
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Primo Mastrantoni
2 luglio 2020 13:04
 
 E' bastata una dichiarazione del neoeletto sindaco "verde" di Lione (FR), Grégory Doucet, contro il Tav, il treno della linea ferroviaria Torino-Lione, per riaccendere le polemiche anche in Italia con le dichiarazioni del M5S.

Per costoro occorre interrompere i lavori di costruzione del Tav.

Così si buttano nel cestino più di 20 miliardi di investimenti (suddivisi tra Ue, Francia e Italia) e 125 mila unità lavorative tra Italia e Francia, a completamento dell'opera, il che in questo periodo di crisi non ci sta proprio bene.

Aggiungiamo che rinunciare al TAV comporterebbe la rescissione di trattati internazionali e l'avvio di procedure risarcitorie della Ue, della Francia e delle imprese.

 Sul Tav siamo intervenuti una infinità di volte.

Nel frattempo, siamo in attesa da due anni, che l'ex ministro dei Trasporti, Danilo Toninelli, fulgido esempio di capacità politico-amministrative, presenti una denuncia alla Procura, visto che aveva dichiarato il Tav "una mangiatoia". 

A luglio dello acorso
 anno, il presidente Conte ha annunciato che fermare il Tav costerebbe di più che finirlo e, poco dopo, una mozione contraria al Tav, del M5S, è stata bocciata.

Dovrebbe bastare. Ma tant'è, a volte ritornano.
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori