testata ADUC
Roma Capitale. Passeggiate romane tra fetidi effluvi
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Primo Mastrantoni
4 ottobre 2019 10:39
 
 Si cammina nella strada tra fetidi effluvi, che fanno voltare la testa e turare il naso e si prosegue rapidamente alla ricerca di aria respirabile. L'effetto liberatorio, però, dura un istante, perché dopo pochi metri si ricomincia, in un susseguirsi di maleodoranti fumi di marcio.

Succede a Roma. 

I responsabili sono gli enormi cassonetti per l'organico, quelli con il coperchio marrone (il colore ricorda qualcosa) che, sotto il sole e con un prelievo, eufemisticamente saltuario, inondano l'aria di fetori. 

Non si capisce perché sono stati messi in strada i cassonetti per l'organico, la cui raccolta dovrebbe essere concentrata sui residui di mercati, ristoranti e bar. Si certo, faceva "fico" sostenere che occorre raccogliere e riutilizzare l'organico, ma non si è pensato che, con l'organizzazione dell'Ama, la società capitolina che gestisce i rifiuti, l'organico sarebbe rimasto nei cassonetti a decomporsi, allietando, si fa per dire, l'odorato dei romani, i quali già si beano della vista dei cumuli di buste stipate intorno ai cassonetti. 

E' il risultato di oltre 3 anni di amministrazione della sindaca Virginia Raggi, e del M5s, nella gestione dell'Ama, che ha visto cambiare dirigenza ben sette volte. Ora, dopo le dimissioni, dell'intero consiglio di amministrazione, è stato nominato amministratore unico un penta stellato che ha zero esperienza nel settore della gestione dei rifiuti, sicchè continueremo a turarci il naso. 

I romani se ne facciano una ragione: è un complotto organizzato dai poteri forti per mettere in difficoltà l'ineffabile sindaca Raggi. Così dicono le chiacchiere da bar.
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori