testata ADUC
Roma Capitale. Babbo Natale porta ai romani un dono: la monnezza
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Primo Mastrantoni
27 dicembre 2019 10:51
 
  Quale regalo ha portato Babbo Natale ai romani? La monnezza.

In questi giorni di festività, le strade della Capitale d'Italia hanno potuto gioire di uno spettacolo che fa il paio con le capitali del Quarto mondo: cassonetti dei rifiuti stracolmi e sacchetti accatastati a ridosso e all'altezza dei contenitori.
Dono della sindaca Virginia Raggi.

Vediamo quali sono gli altri doni di Virginia Raggi, da 3 anni e mezzo sindaca di Roma:

1. L'80% dei rifiuti organici prende la strada del Veneto e del Friuli. Costo 21 milioni di euro, con i tir che consumano 3 milioni e mezzo di litri di gasolio e percorrono 10 milioni e mezzo di chilometri, con una produzione di un milione e 750 mila kg di anidride carbonica;
2. Il costo medio annuo della Tari per cittadini romani è di 274 euro; per i milanesi è di 213 euro;
3. La sindaca Raggi non vuole il termovalorizzatore, sicchè i rifiuti sono portati in altre regioni o all'estero.
4. I costi di trattamento e smaltimento dei rifiuti sono più che raddoppiati.
5. L'amministratore delegato dell'Ama (azienda dei rifiuti romana) ha dichiarato: per chiudere il ciclo dei rifiuti ci vuole il termovalorizzatore. Lo stabiliscono l'Unione europea e la legge "Sblocca Italia" del 2014.
6. L'addizionale Irpef (tasse) del Comune di Roma è la più alta d'Italia.

L'altro Babbo Natale è Nicola Zingaretti, da 6 anni presidente della Regione Lazio.
Vediamone i doni.
1. Ha chiuso uno dei due termovalorizzatori presenti sul territorio regionale. Rimane in funzione solo l’impianto di S. Vittore da 350 mila t/a, mentre il Lazio ha un fabbisogno, stimato dal Ministero dell’Ambiente, per 900 mila t/a, con un deficit dunque di circa 550 mila t/a. Quindi, nel Lazio occorrono almeno altri due termovalorizzatori. In Lombardia ci sono 13 termovalorizzatori, con recupero energetico e produzione di elettricità.
2. Il piano rifiuti, approvato lo scorso luglio dalla Giunta regionale, oltre che tardivo, contrasta con la direttiva europea e con la legge nazionale.
3. Il governo nazionale della passata legislatura, a guida Pd,  prevedeva impianti di termovalorizzazione nel Lazio.
4. L'addizionale Irpef (tasse) della Regione Lazio è la più alta d'Italia. 

I due Babbo Natale, che i romani ringraziano per i doni, non hanno chiara la scelta: l'alternativa ai termovalorizzatori non è la raccolta differenziata, ma la discarica, insomma, o termovalorizzatori o discarica. Infatti, la sindaca Raggi, dopo anni, sta cercando di localizzare una discarica.

La domanda sorge spontanea: quando saranno terminate le buche da riempire, cioè le discariche, dove si metteranno i rifiuti?
 
 
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori