testata ADUC
Fentanil in Usa. Quanto guadagnano i cartelli messicani
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
1 gennaio 2024 16:45
 
Il consumo di fentanil ha fruttato miliardi di dollari ai cartelli messicani, nonostante le oltre 10 tonnellate sequestrate durante l’anno appena trascorso

Un consumatore di fentanil non paga più di due dollari per ogni dose compresa tra 100 e 400 microgrammi; una cifra insignificante per i profitti che i cartelli messicani ottengono dalla vendita della cosiddetta “droga zombie”.
Le stime del Customs and Border Protection (CBP) suggeriscono che la quantità di droga sequestrata rappresenta tra il 5 e il 10% del totale delle sostanze illegali che entrano negli Stati Uniti ogni anno, la maggior parte delle quali attraverso il confine con il Messico.
Per questo motivo le autorità di Messico e Stati Uniti hanno intensificato gli sforzi per fermare il traffico di fentanil e fino allo scorso settembre sono riuscite a ritirare dal mercato 10.144 chilogrammi di oppioide, che in termini economici equivalgono a 3.885 milioni e 152mila dollari.
Questa cifra è stata calcolata sulla base dei dati di un rapporto della Drug Enforcement Administration (DEA) e del documentario “Narco Business” pubblicato dal quotidiano francese Le Monde.

Secondo la DEA, ogni chilogrammo di fentanil puro proveniente dalla Cina ha un valore compreso tra 3.300 e 5.000 dollari, tuttavia i cartelli messicani lo riducono fino ad ottenere tra 16 e 24 chilogrammi di farmaco; Intanto “Narco Business” ha rivelato che il cartello di Sinaloa spende dai 16 ai 17mila dollari per produrre ogni chilogrammo e lo vende fino a 400mila dollari, cioè 20 volte di più di quanto investe. Nel mercato nero nordamericano questo investimento potrebbe fruttare fino a 32,5 milioni di dollari.

Miliardi di dollari in profitti dal fentanil
Le autorità degli Stati Uniti hanno avvertito che una dose di 2 milligrammi di fentanil è sufficiente per uccidere una persona, eppure i cartelli messicani hanno contraffatto milioni di pillole di ossicodone, nella sua versione da 30 mg, per creare le famose pillole blu 30-M. 
A questo proposito, la Houston High Intensity Drug Trafficking Area (HITDA) ha rinvenuto nelle strade americane pillole di fentanil contenenti dosi letali dell'oppioide che hanno fruttato ai cartelli della droga profitti compresi tra i 6 e i 32,5 milioni di dollari per ogni chilogrammo.
L'HITDA ha precisato che con un chilogrammo di fentanil acquistato a Houston per 30mila dollari - a Sinaloa viene venduto fino a 13mila e 500 dollari - si possono produrre un milione di pillole da un milligrammo, 750mila con 1,5 milligrammi e 500mila con la pillola. dose letale, e vengono venduti sul mercato locale tra i 6 ei 65 dollari, a seconda della zona, della dose e della domanda dei consumatori.
 
Alla fine del 2022, la Commissione del Senato degli Stati Uniti per la lotta al traffico di oppioidi sintetici ha stimato che “le entrate totali derivanti dalle esportazioni di fentanil sono probabilmente comprese tra 700 milioni e 1 miliardo di dollari”, pur riconoscendo che il mercato totale delle droghe illegali di fentanil, compresa la cocaina, metanfetamine, eroina e marijuana, tra gli altri, supera i 100 miliardi di dollari all'anno.

“Narco Business” ha intervistato uno produttore del cartello di Sinaloa che ha ammesso di aver prodotto fino a 40.000 pillole di fentanil in 24 ore. Vale a dire che solo l'organizzazione criminale designata dagli Stati Uniti come principale trafficante della “droga zombie” è in grado di generare profitti sul mercato nordamericano - con i prezzi più bassi ed eliminando gli investimenti più costosi - per quasi 237mila dollari al giorno in un unico laboratorio farmaceutico. Più di 86 miliardi se mantenessero tale produzione tutto l'anno, quasi l'intero mercato dei farmaci che il Senato americano ritiene alimentino la domanda locale.

Vale la pena ricordare che il fentanil sequestrato tra Messico e Stati Uniti nel 2023 era distribuito in diverse confezioni liquide, in polvere o già convertite nelle famose pillole 30-M, il che ne fa variare il prezzo.

(Ernesto Jiménez su Infobae del 31/12/2023)

 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS