testata ADUC
‘La libera informazione non sostituisce la giustizia’ - Pg Cassazione. Ma guarda un po’....
Scarica e stampa il PDF
25 gennaio 2024 13:10
 
 
“La libera informazione non sostituisce la giustizia”
.. è quanto praticamente ha detto il procuratore generale di Cassazione, Luigi Salvato, nel corso del suo intervento all’inaugurazione dell’anno giudiziario. Questo il testo preciso:
"Va ribadito che 'verità giudiziaria' è solo quella raggiunta nell'osservanza del giusto processo di legge celebrato da magistrati ed avvocati; pretendere di sostituirla con improbabili indagini, abnormi plebisciti, significa distruggere le basi dello Stato di diritto e delle nostre libertà". (Askanews)

In tono ovviamente riverente e rispettoso ci viene da esclamare “ma guarda un po’”....

Cos’è uno Stato dove uno dei suoi poteri, quello Giudiziario, si sente di dover precisare che la libera informazione non è un potere dello Stato?
Siamo in presenza di una deriva incontrollabile dell’informazione (social inclusi) per cui è doveroso un simile intervento? E allora, si facciano nomi e cognomi e, nel caso, si perseguano i responsabili.

Se così non è, che cos’è?

Un messaggio a utenti e operatori dell’informazione perché tornino su una presumibile retta via. ormai smarrita?

Siamo in ambito “inaugurazione anno giudiziario”, non ad una pubblica manifestazione su “giustizia e informazione”.

A noi operatori e utenti dell’informazione (sui consumatori, nel nostro caso) ci viene un dubbio: cosa abbiamo fatto? Dove abbiamo strabordato, andando oltre i limiti dei codici?

Al momento non lo sappiamo, anche perché non abbiamo procedimenti giudiziari aperti in merito, e quindi chi sono, dove sono, cosa hanno fatto coloro che “pretendono di sostituire (ndr la giustizia) con improbabili indagini, abnormi plebisciti” che distruggerebbero - secondo il nostro PG - le “basi dello Stato di diritto e delle nostre libertà”?

A noi sembra proprio che, quando con l’informazione si stimolano i poteri dello Stato (potere giudiziario incluso) vuol dire che stiamo esercitando una delle libertà tipiche di uno Stato di diritto.

Ci preoccupa chi, a fronte di questo esercizio, ci “accusa” di minare invece sia libertà che Stato di Diritto.

Qui il video sul canale YouTube di Aduc

 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS