testata ADUC
Narcotraffico. Condannato a New York ex-presidente Honduras
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
11 marzo 2024 11:38
 
L'ex presidente dell'Honduras Juan Orlando Hernandez è stato condannato venerdì 8 marzo a New York con l'accusa di aver cospirato con i trafficanti di droga e di aver utilizzato le sue forze militari e di polizia nazionale per consentire a tonnellate di cocaina di entrare senza ostacoli negli Stati Uniti.

La giuria ha emesso il verdetto presso un tribunale federale dopo un processo durato due settimane, che è stato seguito da vicino nel suo paese d'origine. Hernandez è stato condannato per aver cospirato per aver importato cocaina negli Stati Uniti e per due reati legati ad armi. Le accuse comportano un minimo obbligatorio di 40 anni di carcere e un potenziale massimo di ergastolo. La sentenza è stata fissata per il 26 giugno.

Hernandez, 55 anni, che ha servito per due mandati come leader della nazione centroamericana di circa 10 milioni di abitanti, si è distinto per una pacca sulla spalla all'avvocato difensore, Renato Stabile, mentre erano insieme a tutti gli altri in aula mentre i giurati uscivano in fila dopo la sala di consiglio in cui hanno deciso la sentenza.

Quando la notizia ha raggiunto i quasi 100 oppositori di Hernandez sulla strada fuori dal tribunale, questi ultimi hanno applaudito e hanno iniziato a saltare in aria per festeggiare il risultato.

La situazione in aula era tranquilla e Hernandez sembrava rilassato mentre il presidente della giuria annunciava il verdetto su tre capi di imputazione. 

Nel suo discorso alla giuria prima di lasciare l'aula, il giudice P. Kevin Castel ha elogiato i giurati per aver raggiunto un verdetto unanime, necessario per una condanna.

"Viviamo in un paese in cui 12 persone non riescono a mettersi d'accordo su un condimento per la pizza", ha detto loro il giudice, affermando che il suo messaggio sarebbe stato lo stesso indipendentemente dal verdetto.

L'avvocato difensore Sabrina Shroff ha detto che Hernandez farà appello contro la condanna.

In un comunicato, il procuratore americano Damian Williams ha affermato di sperare che la condanna “invii un messaggio a tutti i politici corrotti che prenderebbero in considerazione un percorso simile: scegliete diversamente”. Hernandez “ha avuto tutte le opportunità per essere una forza del bene nel suo Honduras. Invece, ha scelto di abusare del suo ufficio e del suo Paese per il proprio tornaconto personale e ha collaborato con alcune delle più grandi e violente organizzazioni di narcotrafficanti del mondo per trasportare tonnellate di cocaina negli Stati Uniti”.

Hernandez è stato arrestato nella sua casa di Tegucigalpa, la capitale dell'Honduras, tre mesi dopo aver lasciato l'incarico nel 2022 ed è stato estradato negli Stati Uniti nell'aprile di quell'anno.

I pubblici ministeri statunitensi hanno accusato Hernandez di collaborare con i trafficanti di droga già nel 2004, affermando che aveva preso milioni di dollari in tangenti mentre passava da deputato rurale a presidente del Congresso nazionale e poi alla più alta carica del paese.

Hernandez ha riconosciuto nella testimonianza al processo che i soldi della droga sono stati pagati praticamente a tutti i partiti politici in Honduras, ma ha negato di aver accettato tangenti.

Ha fatto notare di aver visitato la Casa Bianca e incontrato i presidenti degli Stati Uniti presentandosi come un campione nella guerra alla droga, e che ha lavorato con gli Stati Uniti per frenare il flusso di droga negli Stati Uniti.

In un caso, ha detto, è stato avvertito dall'FBI che un cartello della droga voleva assassinarlo.

Secondo Hernandez i suoi accusatori hanno inventato le loro accuse su di lui nel tentativo di ottenere clemenza per i loro crimini. "Hanno tutti la motivazione per mentire e sono bugiardi professionisti", ha detto Hernandez.

Ma l’accusa ha "deriso" Hernandez per aver apparentemente affermato di essere l’unico politico onesto in Honduras.

Mercoledì, durante le discussioni conclusive, l'assistente procuratore americano Jacob Gutwillig ha detto alla giuria che un Hernandez corrotto "ha aperto un'autostrada della cocaina verso gli Stati Uniti".

Tra i testimoni del processo c'erano trafficanti che hanno ammesso la responsabilità di dozzine di omicidi e hanno affermato che Hernandez proteggeva convintamente alcuni dei più potenti spacciatori di cocaina del mondo, tra cui il famigerato signore della droga messicano Joaquín "El Chapo" Guzmán, che sta scontando una pena detentiva all'ergastolo negli Stati Uniti.

Suo fratello, Juan Antonio “Tony” Hernandez, ex membro del Congresso dell'Honduras, è stato condannato all'ergastolo nel 2021 dal tribunale federale di Manhattan per accuse di droga.

(Associated Press)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS