testata ADUC
Primo Aprile, canne legali in Germania. Non è un Pesce ma la conferma dell’avvio di un nuovo mondo
Scarica e stampa il PDF
1 aprile 2024 10:53
 

  Non è un pesce d’aprile… da oggi la cannabis ricreativa in Germania è legale. Del resto, i tedeschi non usano lo humor britannico, ma quando fanno le cose, le fanno sul serio. Ed oggi ci siamo. E’ popolare dire che una macchina o un elettrodomestico quando è tedesco vuol dire che è il “top” e che l’eventuale spesa ne valga proprio la pena… bene da oggi abbiamo le canne, sulla cui qualità, però, vedremo nei prossimi mesi, che è un ambito in cui i tedeschi si cimentano per la prima volta e non mancano forti dissapori e resistenze all’interno del loro Paese, in Europa e nel mondo. Speriamo che tradizione non venga meno.

La Germania arriva seconda a questo risoluzione, tra i grandi Paesi del mondo, dopo il Canada (dal 2018), affiancandosi ai piccoli europei Malta (dal 2021) e Lussemburgo (dal 2023) e ai molti esperimenti in corso in vari luoghi, inclusa la Svizzera, a cui aggiungiamo il piccolo pioniere uruguaiano (dal 2017).

Mentre in Italia si finisce male dopo aver consumato una canna qualche settimana prima e non essere in stato di alterazione fisica ed essere fermato alla guida di un veicolo. Mentre nel mondo vengono rimesse in discussione le politiche mondiali proibizioniste che hanno rovinato Paesi e persone in questi ultimi decenni.

Si tratta di un importante segnale per l’umanità: nulla è perduto, negli umani si può ancora sperare. Oggi la lezione ci arriva proprio dal quel Paese, la Germania, che a metà del secolo scorso mise a ferro e fuoco l’Europa e il mondo intero, e che il resto del mondo riuscì a bloccare. Oggi “il resto del mondo” sono tutti coloro che non sono proibizionisti e/o, pur essendo contrari all’uso individuale degli stupefacenti, hanno raggiunto un livello di civiltà individuale e istituzionale per impegnarsi a garantire libertà e informazione a chi la pensa in modo diverso dal loro.

Questa sarebbe la fotografia del mondo che vorremmo.


Qui il video sul canale YouTube di Aduc

 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS