testata ADUC
Rapporto sulla cannabis ricreativa in Oceania
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
23 gennaio 2024 16:06
 
 Le politiche per la legalizzazione della cannabis in Australia e Nuova Zelanda hanno alcune notevoli somiglianze, tuttavia, ci sono differenze fondamentali.

La legalizzazione della cannabis ricreativa è stata respinta in Nuova Zelanda nel 2020 dopo un referendum nazionale. Nel frattempo, in Australia, si è verificata un’ondata di interesse nell’opinione pubblica, che rende più probabile la nascita di un mercato ricreativo nei prossimi anni.
I due paesi stanno intraprendendo riforme delle rispettive normative sulla cannabis terapeutica che sono l’una l’opposto dell’altra: la Nuova Zelanda sta abbassando gli standard di qualità del prodotto richiesti ai produttori nazionali per l’esportazione e l’Australia sta aumentando gli standard di qualità del prodotto per i prodotti di cannabis importati non nazionali.

Entrambi i paesi hanno adottato l’approccio secondo cui l’accesso al CBD dovrebbe essere effettuato solo tramite canali medici, sebbene entrambi abbiano recentemente approvato una legislazione per rendere più facile l’accesso ai prodotti CBD contenenti bassi livelli di THC.

Qui l'Oceania Regulatory Report 2024 della XProhibitions Partners

 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS