testata ADUC
Giornata internazionale diritto all’aborto. Lottare per renderlo reale
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Vincenzo Donvito
28 settembre 2021 9:31
 
Il 28 settembre è la giornata internazionale del diritto all’aborto. Probabilmente la migliore celebrazione è stato il 77,3% di consensi al referendum che lo ha legalizzato nel piccolo Stato di San Marino. Ma questo non ci deve fare esultare per una situazione che è tutt’altro che positiva, nel mondo, in Europa e in Italia. Soprattutto perché il diritto della donna di disporre del proprio corpo, anche se già sancito, è sempre in pericolo: cambi di legge, non attuazione e ambiguità delle stesse, tra i motivi di questo fragile equilibrio tra diritto e persona.

Tre situazioni/esempi.

Quanto accade nel Texas dove l’aborto ha cambiato la propria legge vietando l’aborto praticamente in assoluto (1).

In Francia, paese non ultimo per questo diritto, ancora oggi 400 donne ogni anno varcano i confini per andare ad abortire vicino Amsterdam (2).

In Italia, ci sono città e regioni dove abortire è un miraggio. L’obiezione di coscienza dei medici, spesso opportunistica e comunque dilagante, di fatto impedisce la realizzazione del diritto sancito dalla legge. E il legislatore, frequentemente sollecitato, non fa nulla perché in ogni struttura sanitaria questo diritto sia garantito.
Si può anche essere contrari all’interruzione di gravidanza, ed è legittimo manifestarlo e cercare di cambiare le leggi, ma violare queste ultime per affermarlo alimenta pericoli fisici e istituzionali.

La giornata di oggi è occasione per ricordare, non demordere individualmente e collettivamente, nonché organizzarsi civilmente per cambiare le leggi quando le riteniamo sbagliate e - visto che le leggi che affermano il diritto all’aborto ci sono quasi ovunque - per far sì che le stesse siano applicate.

1- https://www.ilgiorno.it/mondo/legge-aborto-texas-1.6764224
2 – così un reportage del quotidiano Libération:
https://www.liberation.fr/societe/droits-des-femmes/ivg-de-francaises-aux-pays-bas-les-infirmieres-ont-seche-mes-larmes-20210927_4ZTB4GHE7JBZVCU3SLX4YTWGTI/?xtor=EREC-25-%5BNL_quot_matin_28-09-2021%5D-&actId=ebwp0YMB8s1_OGEGSsDRkNUcvuQDVN7a57ET3fWtrS9lUkhCpiRQomxSd5-wLYdY&actCampaignType=CAMPAIGN_MAIL&actSource=512099
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS