testata ADUC
Governo. Ponte sullo Stretto: sì, oppure, no
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Primo Mastrantoni
11 maggio 2021 12:03
 
  Ricordate la traversata a nuoto dello Stretto di Messina di Beppe Grillo? All'arrivo proclamò che lo il Ponte sullo Stretto era opera inutile e che serviva alla mafia.

L'allora candidato alla presidenza della Regione Sicilia, Giancarlo Cancelleri (M5S), proclamò che il ponte non serviva a nulla. Ora, promosso sottosegretario al Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità, dichiara che servirà allo sviluppo dell'Italia.
Ci deve essere il "virus del cambiamento" al Ministero che fu di Toninelli (M5), il quale proclamò che il TAV Torino-Lione  era opera inutile. Ora il Tav si fa. Vedremo cosa succederà per il Ponte.

Intanto diamo qualche informazione.
Nel 1908 ci fu il tragico terremoto che distrusse Messina e Reggio Calabria e che fece 120 mila morti. Il sisma produsse uno tsunami che si abbattè sulle coste provocando ulteriori disastri.
E' noto che la zona è geologicamente instabile.

Le ultime vicende del canale di Suez hanno portato alla attenzione l'intenso traffico di navi da trasporto, di qualsiasi tipo, che attraversano il Canale. Le navi si immettono nel Mediterraneo, lo attraversano, sfociano nell'Atlantico, dirigendosi verso i porti del Nord Europa (Rotterdam, Anversa, ecc.)

L'Italia dovrebbe essere in prima posizione, ma non lo è, per utilizzare le potenzialità del traffico marittimo, con i porti di Gioia Tauro, Taranto, Napoli, Genova e Trieste direttamente interessati. I flussi commerciali mediterranei potrebbero raggiungere l'Italia a patto di creare condizioni interne favorevoli allo sviluppo degli investimenti, contrastando i fattori che limitano le potenzialità rappresentate dalla naturale piattaforma logistica al traffico di merci: i vincoli burocratici e le inefficienze storiche del nostro Paese. Insomma, occorre attrezzare anche gli entroterra e la rete ferroviaria per garantire collegamenti adeguati con il territorio.

Questa dovrebbe essere la scelta, che serve al nostro Paese, ma Cancelleri (M5S) vuole il Ponte che come sosteneva, non serve a nulla, se non a sprecare i soldi del contribuente.
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori