testata ADUC
La legge è uguale per tutti, non i vaccini. Ordine avvocati: nuovo episodio della saga Toscana
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Emmanuela Bertucci
26 marzo 2021 16:27
 
  La vicenda toscana di giudici, cancellieri e avvocati vaccinati prima dei soggetti realmente a rischio non finisce di stupire.
Inseriti alla chetichella (c’è voluto un po' prima che la vicenda emergesse) fra le categorie con priorità di vaccinazione; eliminati alla chetichella dalle categorie con priorità (almeno fino a domenica scorsa c’erano ancora), ora l’ Unione distrettuale degli ordini forensi della Toscana chiede alla Regione Toscana di reinserire gli avvocati fra le categorie prioritarie, chiamando alla conta chi è interessato al ripristino delle vaccinazioni con AstraZeneca per fare pressione sul governo regionale.

Evidentemente il clamore - mediatico e non - negativo della vicenda, nonché la pubblica “disobbedienza” di un avvocato consulente Aduc, non hanno insegnato nulla. All’Ordine sono convinti di essere nel giusto, più a rischio degli ottantenni, dei commessi dei supermercati, dei volontari di pronto soccorso. Si stanno preparando all’azione politica di pressione con una sorta di petizione che – sottolineano – sarà utilizzata solo per il numero di adesioni, senza nomi e cognomi (“caro collega, non ti mettiamo alla berlina”).

Bravi! Un ordine professionale che fa il suo dovere: difende, financo la vita, dei membri della sua corporazione.
 
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori