testata ADUC
Prezzi carburanti al massimo. Lo Stato si riprende i soldi che sta elargendo a pioggia?
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Vincenzo Donvito
11 maggio 2021 12:47
 
Salgono i prezzi dei carburanti, spinti dai recenti rialzi delle quotazioni del greggio. Secondo i dati del Mise (settimana 3/9 maggio), la verde e' in media a 1,588 euro al litro e il diesel a 1,447. In entrambi i casi è il massimo da oltre un anno, per la benzina da gennaio 2020 e per il gasolio da febbraio dello scorso anno.

E’ questo il costo del processo di riapertura dopo la pandemia? Dati i ristori a chi ha avuto la fortuna di averli o riceverli, visto che il maggiore componente del costo del carburante è quello fiscale, lo Stato sta mettendo in atto un processo di riappropriazione di quanto elargito? Certo, non dipende dallo Stato ma dalle quotazioni del greggio…. Ma, a parte che per le attuali quotazioni del greggio prima di arrivare sul prodotto finito che viene distribuito, ci sarebbe bisogno di tempo, è bene ricordare che la componente fiscale del prezzo al dettaglio è ben oltre il 60%. Percentuale che comprende anche l’Iva al 22%, un’imposta su un prezzo che è composto da altre ritenute fiscali (quindi tassa sulla tassa).

Stiamo forse scontando un errore di fondo di tutta la politica di aiuti economici alla pandemia: soldi a pioggia alle varie categorie, premi (lotterie varie) per incrementare i consumi e un’ipotetica migliore lotta all’evasione fiscale, e rinvii per diverse tasse... piuttosto che una generalizzata riduzione fiscale su servizi e consumi.
 

 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori