testata ADUC
Tamponi a Firenze. Studente col raffreddore costretto a casa: non c’è posto. Vergogna Toscana!
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Pietro Yates Moretti
24 marzo 2021 14:29
 
  Studente con sintomi influenzali rimane a casa. Il pediatra prescrive il tampone. Ma a Firenze e dintorni non c'è posto, e la studentessa è costretta a rimanere a casa.
Chiamato l'ufficio URP di Firenze: ci spiace, provi a contattare la sua scuola per sapere cosa fare.
Ma ci rendiamo conto che, oltre un anno dopo lo scoppio della pandemia, uno studente fiorentino deve rimanere a casa per assenza di tamponi? E l'Asl che dice al genitore di mettersi d'accordo con la scuola?
Per gli studenti non si chiede priorità sui vaccini, come hanno fatto alcune categorie influenti cui la Regione Toscana ha subito chinato il capo, prolungando la scia di morti anziani.
Ma quantomeno, dopo 13 mesi di pandemia, ci si potevano aspettare tamponi tempestivi per gli studenti costretti a saltare scuola per un mal di gola e raffreddore.
Vergogna Toscana, vergogna!
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
COMUNICATI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori