testata ADUC
BoJo il clown
Scarica e stampa il PDF
Stati uniti d'europa di Redazione
4 settembre 2019 16:44
 
 Questo è almeno un primo ministro che non si arrende davanti all'azione. Rimarchevole percorso quello di questo leader per la sua formidabile efficienza. In pochi giorni, Boris-la-Tempesta ha soffiato sulla vita politica britannica lo stesso vento che sembra scuotere costantemente i suoi capelli. Ha distrutto il suo partito, ha perso la maggioranza nella Camera dei Comuni, ha gettato il Parlamento nell'insurrezione e ha diviso il suo Paese come mai da Cromwell. Tutto questo in nome di una rinegoziazione con l'Unione Europea tangibile come il mostro di Loch Ness. Come dice il suo principale consigliere, Dominic Cummings, architetto della strategia della terra bruciata, citato dal Daily Telegraph (pro-Brexit), queste discussioni con gli europei sono "solo una mascherata". È vero che hanno un confine irlandese, di cui Johnson, con eslicita chiarezza, afferma che esisterà senza esistere mentre esiste. A peggiorare le cose, confronta costantemente la sua situazione con quella di Winston Churchill nel 1940, il che equivale a confondere l'Unione europea con il regime nazista, un'assimilazione che difficilmente molesterà i negoziatori europei. Quindi i suoi avversari hanno completato il suo soprannome: Johnson è stato ribattezzato "BoJo il clown".

C'è solo una via d'uscita: convocare le elezioni generali. Ma ciò richiede i due terzi dei voti del Parlamento. Per il momento, è a meno della metà. Se fallisce in quest'ultima avventura, dovrà solo dimettersi, il che lo renderà il Primo Ministro più effimero della storia britannica.

Come sempre nella grammatica populista, questa folle corsa è condotta in nome della sovranità del popolo. Nuova truffa intellettuale: nessuno oggi può dire se una “hard Brexit” ha la maggioranza in un'opinione profondamente divisa. Gli inglesi, ovviamente, hanno votato per la Brexit. Ma hanno scelto una pausa nel dolore o un'uscita negoziata? Mistero. Il ritorno agli elettori sembra logico: se Johnson vince le elezioni generali (non è impossibile, tanto è grande la stanchezza dell'opinione pubblica davanti al pandemonio sulla Brexit), allora avrà tutte le possibilità di imporre la sua politica. Ma nel frattempo non è costretto dalla "cospirazione d'élite" ma dalla legge britannica. Per sciogliere il Parlamento, deve ricevere il suo accordo. Questo è l'intero problema dei populisti: rivendicano la democrazia. Questo sistema presuppone una combinazione di sovranità popolare e stato di diritto. Il regno della maggioranza, essenziale, è limitato dalle leggi. Oltre, entriamo nella tirannia, sarebbe popolare. Questo è il dramma di BoJo: come Cesare, vorrebbe costringere gli eletti. Ma confonde il Rubicone e il Tamigi.

(articolo di Laurent Joffrin, pubblicato sul quotidiano Libération del 04/09/2019)
 
 
STATI UNITI D'EUROPA IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori