testata ADUC
Toscana felix? Mah….. Il disagio di un immigrato e impegnato
Scarica e stampa il PDF
Comunicato di Vincenzo Donvito
16 aprile 2021 13:22
 
 Quando ho scelto di vivere a Firenze/Toscana nel 1972 per studiare all’università, la ritenevo una scelta di prospettiva. Scelta che, di per sé, non ho mai messo in discussione se non per la abituale mia indole di sempre cercare nuovi stimoli guardando il Pianeta. E dalla Toscana parte il mio impegno civico, economico e politico.
Oggi non sto bene. Concomitanze e concomitanze che si sommano e che, oltre a portarmi al classico “tutto il mondo è paese”, pur assalito da pigrizia sociale, economica ed individuale, mi inducono a riflettere.
Storie sgradevoli a iosa in questi 50 anni, ma in questo momento nuovo della storia del Pianeta grazie al Covid, il tutto è più pesante.
Un “piccolo” elenco.
La Toscana è ultima in Italia per le vaccinazioni, e per i tamponi spesso è un carosello. Dov’è finita la sanità fiore all’occhiello di tutte le amministrazioni regionali?
In Toscana, unici in Italia, la corporazione degli avvocati ha imposto agli amministratori di far vaccinare per primi i suoi iscritti, nonostante i morti e gli infettati siano essenzialmente oltre gli 80 anni.
In Toscana si scopre che le mani della malavita internazionale sono in appalti e rifiuti (concerie), con tanto di associazioni di categoria, amministratori regionali e locali coinvolti (situazioni “normali” in altre regioni ma, per l’appunto, “altre”).
In Toscana, si scopre solo di recente che il porto di Livorno è uno dei principali hub della malavita legata al narcotraffico.
In Toscana, Mugello, clan mafiosi intervengono per gli appalti da affidare agli amici degli amici.
In Toscana, terra di carceri che da poco è riuscita a liberarsi dell’onta dei quelli psichiatrici, si muore in ospedale (Livorno) perché legati ad un letto in un ospedale pubblico.
Mi sono limitato ai fatti di cronaca di questi ultimi giorni. Ognuno può aggiungere a piacere.

Ma cosa succede? E’ colpa dell’ultimo governo regionale? No, perché le mafie per far da padroni non hanno bisogno di pochi mesi…. Anche se poche settimane son state sufficienti per i disastri delle vaccinazioni.
Chiedo a chi ci governa. Risposte non in politichese o mutismi, ma fatti.
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori