testata ADUC
 ITALIA - ITALIA - Cannabis terapeutica. Caso De Benedetto: digiuno a staffetta
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
25 ottobre 2020 16:00
 
E' iniziato ieri 24 ottobre il digiuno a staffetta promosso, tra gli altri, dall'Associazione Luca Coscioni e Forum Droghe, per rilanciare la lettera aperta al Capo dello Stato Sergio Mattarella di Walter De Benedetto, affetto da una grave forma di artrite reumatoide, finito sotto inchiesta per aver coltivato la cannabis per sopperire al proprio fabbisogno terapeutico, e per chiedere a Parlamento e Governo di legalizzarne produzione, consumo e commercio per tutti gli usi. "Proprio un anno fa - ricorda Marco Cappato, tesoriere dell'associazione Luca Coscioni - a Montecitorio Walter, malato di artrite reumatoide, era in piazza per chiederci far nostra la sua battaglia per ottenere la quantità di cannabis prescrittagli dal medico e per unirsi alla nostra per la legalizzazione. Il presidente Fico lo ricevette ma da allora non è successo niente. Oggi Walter è accusato di coltivazione illegale perché produceva in giardino quello che lo Stato non gli forniva". "Abbiamo quindi deciso - prosegue Cappato - di lanciare un digiuno a staffetta per rafforzare tutto quello che da anni facciamo contro il proibizionismo e cercare un dialogo con le istituzioni che quando si interessano lo fanno per adottare decisioni che ci riportano decenni addietro. Le decine di adesioni che sono già arrivate ricordano quanto popolare sia la questione e quanto sia crescente la volontà di 'far qualcosa' per svegliare la politica".

CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori