testata ADUC
 MONDO - MONDO - Inflazione Ocse in calo ma attenti a ciò che accade nel mar Rosso
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
5 febbraio 2024 11:42
 
L’inflazione dovrebbe tornare all’obiettivo del 2% nella maggior parte delle economie del G20 entro la fine del 2025. E’ quanto indicano gli esperti dell’Ocse nell’interim outlook pubblicato oggi, in cui si stima che l’inflazione principale a livello di G20 dovrebbe attestarsi al 6,6% nel 2024 dal 6,3% del 2023 e al 3,8% nel 2025 mentre le stime per l’inflazione core sono di un +2,5% nel 2024 dopo il +4,2% del 2023 e di un +2,1% nel 2025. Per l’inflazione headline dell’Eurozona, l’Ocse vede un calo dal 5,4% del 2023 al 2,6% nel 2024 (-0,3% rispetto alla stima di novembre) e al 2,2% nel 2025 (-0,1%).
“Tuttavia, è troppo presto – si legge nel rapporto Ocse - per avere la certezza che le pressioni sottostanti sui prezzi siano pienamente contenute. Le elevate tensioni geopolitiche rappresentano un rischio significativo a breve termine per le attività economiche e l’inflazione, in particolare se il conflitto in Medio Oriente dovesse sconvolgere i mercati energetici”. Al proposito, secondo l'organizzazione, gli attacchi alle navi nel Mar Rosso hanno aumentato notevolmente i costi di spedizione e allungato i tempi di consegna specialmente tra Asia ed Europa, rallentando inoltre i programmi di produzione e determinando un aumento della pressione sui prezzi. Se l'attuale trend dovesse persistere, "potrebbe aumentare l’inflazione annua dei prezzi all’importazione nell’area Ocse di quasi 5 punti percentuali, aggiungendo 0,4 punti percentuali all’inflazione dei prezzi al consumo dopo circa un anno”.
Per quanto riguarda invece la crescita l'Ocse prevede che quella del Pil globale - penalizzata dai tassi e dall'andamento del commercio - diminuirà al 2,9% nel 2024, dal 3,1% nel 2023, prima di recuperare a +3% nel 2025 con l’allentamento delle condizioni finanziarie. Al proposito si stima che il primo taglio dei tassi da parte della Fed arriverà nel secondo trimestre di quest'anno, e da parte della Bce nel terzo trimestre, anche se "la politica monetaria deve rimanere prudente per garantire che le pressioni inflazionistiche di fondo siano contenute in maniera durevole".
(Radiocor)
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS