testata ADUC
Combattere la corruzione attraverso sanzioni economiche internazionali è una cattiva idea
Scarica e stampa il PDF
Osservatorio legale di Redazione
18 luglio 2021 10:13
 
 Il 6 luglio, la commissione per gli affari esteri del Parlamento europeo ha avviato un dibattito in sessione plenaria del Parlamento sul “regime di sanzioni globali dell'UE nel campo dei diritti umani (“legge Magnitsky” dell'UE)”. I rappresentanti di questa commissione hanno chiesto l'estensione di questo regime alla lotta alla corruzione.

Di cosa stiamo parlando?

Gli Stati hanno il potere di imporre reciprocamente misure di ritorsione economica in risposta a violazioni del diritto internazionale o dei loro interessi essenziali. Oltre a questi embarghi, che sono rappresaglie da Stato a Stato, ci sono misure che prendono di mira persone precise, come il rifiuto del visto, il congelamento dei beni o il divieto di commercio.

Questa serie graduata di sanzioni economiche, che sono nelle mani dei politici, offre altrettante alternative alla guerra in tempi di tensione internazionale.

Queste sanzioni possono essere imposte in risposta a gravi violazioni dei diritti umani? Il Congresso degli Stati Uniti è stato il primo a rispondere affermativamente approvando il "Magnitsky Act" nel 2012, intitolato a Sergei Magnitsky, un avvocato russo morto in detenzione dopo aver indagato su un caso di frode fiscale potenzialmente imbarazzante per alcune potenze russe.

Questa legge inizialmente mirava solo alla Russia. Ma la sua portata è stata ampliata nel 2016 e da allora gli Stati Uniti sono stati in grado di pronunciare sanzioni economiche in nome dei diritti umani, non solo contro i cittadini russi, ma contro chiunque nel mondo: è il “Global Magnitsky Act”.

I danni della corruzione all'economia globale
Nel dicembre 2020, il Consiglio dell'UE ha adottato uno strumento simile per la tutela dei diritti umani, grazie ad un nuovo regolamento europeo, che logicamente è stato soprannominato la "legge Magnitsky" dell'UE. Ma la legge statunitense del 2016 in realtà è andata oltre i diritti umani e ha consentito anche la punizione dei responsabili di atti di corruzione.

Comprendiamo ora la questione principale del dibattito a livello europeo: dobbiamo attenerci alla tutela dei diritti umani, come deciso dal Consiglio Ue nel dicembre 2020? O dovremmo, come fanno gli inglesi, allinearci ancora di più con gli Stati Uniti e aggiungere la corruzione all'elenco europeo dei motivi per le sanzioni economiche?

Ci sono molte ragioni per volere che la corruzione sia oggetto di sanzioni economiche. C'è la repulsione che tutti provano di fronte allo spettacolo della corruzione ancora troppo diffuso e troppo spesso impunito. C'è anche la consapevolezza dei danni che la corruzione provoca all'economia globale, allo stato di diritto e al benessere delle popolazioni.

Soppressione dell'offerta di corruzione
Ma un altro argomento si aggiunge fortemente ad esso. È convinzione che le politiche anticorruzione finora perseguite dalla comunità internazionale, sulla scia della convenzione OCSE [Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico] del 1997, mirino soprattutto a punire individui o società che corrompono, ma non funzionari pubblici stranieri corrotti: questa è la cosiddetta strategia di repressione dell'offerta di corruzione.

Tuttavia, questa strategia non è senza limiti, perché è ovviamente necessario agire anche sulla domanda di corruzione. Le sanzioni economiche avrebbero quindi l'immenso vantaggio di completare il sistema europeo colpendo i portafogli non solo delle società corrotte, ma anche dei leader stranieri corrotti, come parte di un'azione coordinata con i nostri alleati americani e britannici.

Ma una maggiore attenzione alla realtà della lotta alla corruzione straniera mostra che questa sarebbe in realtà una cattiva idea. Male, perché sarebbe inefficace. Chi può credere che inserire nella lista nera una manciata di dignitari ridurrà effettivamente la corruzione in tutto il mondo?

Il meccanismo di strumentalizzazione
Naturalmente, le conseguenze possono essere pesanti per le persone così designate. Ma le stravaganze del processo di designazione - che sono processi politici e diplomatici - sono tali da poter generare solo risposte discontinue e non sufficientemente coerenti. Tuttavia, è noto fin dai tempi del giurista e filosofo Cesare Beccaria (1738-1794) che l'effetto deterrente della pena non è tanto la sua severità quanto la sua prevedibilità.

È anche una cattiva idea, perché la dimensione geopolitica di questi processi può solo alimentare il processo nella strumentalizzazione della lotta alla corruzione. Quale disservizio a una grande causa instillare ancora di più questo sospetto!

Infine, una cattiva idea, perché significa semplicemente aggirare le nostre istituzioni di polizia e giudiziarie e rinnegare i principi del diritto penale europeo. Quando si tratta di sanzioni economiche, chi deciderà che una persona è corrotta? Su quali prove? Raccolte come, e con quali possibilità per difendersi?

Per la corruzione come per il terrorismo, i mezzi della lotta non sono indifferenti, salvo correre il rischio di dare alla fine ragione a chi viene combattuto. E se è vero che la corruzione corrode lo Stato di diritto, l'unica risposta corretta è quella che le sarà data dalle istituzioni caratteristiche di questo stesso Stato di diritto.

Si comprenderà che se le sanzioni economiche sono una buona alternativa alla guerra, sono al contrario una pessima alternativa alla giustizia penale.

(Emmanuel Breen – avvocato e docente alla Sorbonne Université – su Le Monde del 18/07/2021)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
OSSERVATORIO LEGALE IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori