testata ADUC
 FRANCIA - FRANCIA - Software: all'utente manca l'interoperabilità
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
18 settembre 2007 0:00
 
L'associazione di difesa dei consumatori Ufc-Que Choisir plaude alla condanna di Microsoft decisa dalla giustizia europea, ma sostiene che l'utente e' "ancora legato mani e piedi", privo di una "vera interoperabilita'". "Per il consumatore, il vero apporto di questa decisione sarebbe la possibilita', in futuro, di scegliere il lettore con cui desidera leggere i suoi file audio e video" su un computer, ma dubita dell'"efficacia" della decisione. "I media digitali in libero accesso (Tf1, France Televisions, iTelevision, Radio France...) sono per lo piu' nel formato del lettore di Microsoft, cosi' come i file audio e video protetti dal sistema anticopia DRM. "Il consumatore non ha altra scelta che di legarsi a Microsoft", conclude l'associazione che si appella a "un'autentica interoperabilita' dei file" e chiede a Luc Chatel, responsabile per il Consumo e il Turismo, di occuparsene.
 
 
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori