testata ADUC
I decessi per overdose negli Usa continuano ad aumentare
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
7 dicembre 2023 17:06
 
Secondo i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, le overdose hanno causato la morte di oltre 112.000 americani dal maggio 2022 al maggio 2023, un aumento del 37% rispetto al periodo di 12 mesi terminato a maggio 2020.

La stragrande maggioranza di coloro che sono morti erano maggiorenni. Ma le overdose di droga stanno uccidendo i giovani americani a un numero senza precedenti: il totale mensile è passato da 31 nel luglio 2019 a 87 nel maggio 2021, il periodo con i dati più recenti.

Come studioso dell’uso di sostanze che si concentra su modelli che variano tra i gruppi di età, sono colpito da come le morti per overdose tra gli adolescenti differiscano da quelle dei maggiorenni in termini di genere, razza ed etnia e delle sostanze che causano questi decessi.

Queste differenze significano che i gruppi considerati ad alto rischio e le strategie necessarie per prevenire l’overdose negli adolescenti non dovrebbero essere le stesse dei maggiorenni.

Chi sta morendo?
Quando il CDC ha esaminato i dati relativi agli americani di età compresa tra 10 e 19 anni, ha scoperto che, come nel caso dei maggiorenni, la maggior parte degli adolescenti che muoiono per overdose di droga sono maschi. Tuttavia, la percentuale di ragazze tra questi decessi è maggiore della percentuale di donne.

Più del doppio dei ragazzi preadolescenti o adolescenti che muoiono di overdose per ogni ragazza in quella fascia di età.

Tra gli adulti, tre uomini ogni due donne muoiono di overdose.

La percentuale di overdose mortali tra gli adolescenti bianchi e non ispanici è di gran lunga maggiore rispetto a quella dei loro coetanei non bianchi, più che tra gli adulti.

La colpa è spesso del fentanil
Un’altra differenza è ciò che causa queste overdose fatali.

Tra gli adulti, coloro che utilizzano più di un farmaco hanno maggiori probabilità di morire per overdose rispetto a coloro che utilizzano un singolo farmaco. Le combinazioni più comuni sono il fentanil con un altro oppioide, come un farmaco da prescrizione, e il fentanil con uno stimolante, come la cocaina o la metanfetamina.

Il fentanil da solo è il principale colpevole delle overdosi tra gli adolescenti. Per gli adolescenti, l’84% delle overdose fatali ha coinvolto fentanil e il 56% di tutte le overdose ha coinvolto solo fentanil.
 
Ciò è coerente con la ricerca del mio team che indica che i tassi di abuso di oppioidi da prescrizione sono diminuiti dal 2015 al 2019 sia negli adolescenti che nei giovani maggiorenni. Ciò concorda anche con altri dati che mostrano che le morti per overdose da eroina sono diminuite negli ultimi anni.

Il fentanil è tra gli oppioidi più potenti disponibili. Si stima che sia circa 100 volte più potente della morfina, un oppioide molto potente tipicamente utilizzato in ambito ospedaliero. Gli adolescenti e i preadolescenti di solito hanno poca tolleranza agli oppioidi perché spesso non sono stati esposti ad essi prima, e l’elevata potenza del fentanil li rende più propensi all’overdose.

Molti adolescenti assumono accidentalmente il fentanil quando ingeriscono pillole contraffatte che credono siano oppioidi o stimolanti da prescrizione, o altre droghe illecite mescolate alla droga.

Questo uso involontario può rendere ancora più probabile un sovradosaggio, perché le persone che non sono consapevoli di assumere fentanil hanno meno probabilità di avere a portata di mano le strisce reattive del farmaco anti-overdose naloxone o fentanil.

Nel 67% dei decessi per overdose tra adolescenti era presente qualcuno che sarebbe potuto intervenire. Il naloxone è stato somministrato in meno della metà dei casi in cui era presente un passante.

Poca o nessuna storia precedente di droga
Solo 1 adolescente e preadolescente su 10 deceduto per overdose di droga aveva una storia di trattamento per un problema di uso di sostanze e solo 1 su 7 aveva mai sperimentato una precedente overdose non fatale. Gli adolescenti che subiscono un’overdose fatale non mostrano necessariamente i segnali di allarme generalmente attesi in anticipo, come problemi con l’alcol o altre droghe o precedenti trattamenti per l’uso di sostanze.

Questo fatto sottolinea l’importanza che tutti i genitori parlino in modo proattivo con i propri figli dell’uso di sostanze entro i 12 anni.

I genitori che esprimono la loro disapprovazione per l’uso di sostanze tendono a prevenirla o ritardarla nei propri figli. Avere figli che non fanno mai uso di sostanze può essere un obiettivo inutile e irrealistico: dopo tutto, la maggior parte degli adulti beve alcol almeno occasionalmente.

Tuttavia, i genitori possono sottolineare che il cervello dei loro figli sta cambiando rapidamente e in modo significativo e che non usare droghe o alcol quando sono piccoli aiuta a promuovere uno sviluppo sano.

Cosa possono fare i genitori
Anche avere a disposizione il naloxone può essere importante. Impedisce al fentanil e ad altri oppioidi di provocare un sovradosaggio bloccando l’accesso ai recettori degli oppioidi nel cervello. Questo farmaco potenzialmente salvavita è facile da usare, ma il costo della versione da banco, che può superare i 50 dollari per due dosi, lo rende fuori dalla portata di alcune delle persone che ne hanno più bisogno.

Pensa al naloxone come all'assicurazione auto: non vuoi usarlo, ma è importante averlo nel caso qualcosa vada storto.

Anche se tuo figlio non prova mai una droga illegale, potrebbe essere in grado di intervenire e salvare un amico che va in overdose. Tutti dovrebbero conoscere i segni di un'overdose da oppioidi: tra cui respiro superficiale o assente, problemi a rimanere coscienti e raffreddore, ecc.
?
Infine, più di 4 adolescenti su 10 morti per overdose avevano una storia di problemi di salute mentale. Ciò è coerente con la ricerca condotta da me e dai miei colleghi che stabilisce un rapporto tra una cattiva salute mentale e l’abuso di oppioidi negli adolescenti.

Esiste anche un forte legame tra condizioni di salute mentale e overdose di droga tra i maggiorenni.

Per questo motivo e per molti altri, come ad esempio l'aumento dei tassi di depressione adolescenziale, raccomando a tutti i maggiorenni, siano essi caregiver o altre persone coinvolte nella vita di un adolescente, di verificare regolarmente la propria salute mentale e di raccomandare o cercare un trattamento per eventuali problemi già dai primi sintomi.

(Ty Schepis - Professor of Psychology, Texas State University -, su The Conversation del 27/11/2023)


 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS