testata ADUC
Fentanyl. Epidemia overdose in Messico dopo Usa
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
18 aprile 2022 16:21
 
L'epidemia di overdose da oppioidi che colpisce gli Stati Uniti sta ora iniziando a diffondersi nel nord del Messico, avvertono organizzazioni civili e specialisti, che hanno esortato le autorità a fermare questo preoccupante fenomeno.
Tra aprile 2020 e aprile 2021, più di 100.000 persone sono morte per overdose negli Stati Uniti, la maggior parte per uso di fentanil, superando le cifre dei decessi per armi da fuoco e incidenti stradali.
Nell'ultimo anno, i decessi per consumo di droghe pesanti sono aumentati in modo sproporzionato negli Stati Uniti del 28,5% e sebbene in Messico i dati non siano così agghiaccianti, iniziano a salire a una velocità insolita.
Il fentanil, la cosiddetta "eroina sintetica", è fino a 100 volte più potente dell'eroina naturale e della stessa morfina ed è prescritto a pazienti con dolore estremo.

La Verter Civil Association ha avvertito che sono in aumento le overdose dovute al consumo di oppioidi, soprattutto nelle città al confine con gli Stati Uniti come Tijuana e Mexicali, dove nell'ultimo anno sono stati segnalati almeno 400 casi.
Said Slim, coordinatore del progetto di Verter, ha sottolineato che tutta l'eroina che circola nella fascia di confine settentrionale è mescolata con fentanil, che aumenta il rischio di overdose e morte.

Un'overdose di fentanil ha causato la morte del popolare cantante americano Prince, che è stato trovato morto nella sua residenza il 21 aprile 2016.
Secondo gli studi delle università di San Diego in California, nello stato omonimo, condotti in collaborazione con le organizzazioni civili messicane, tra il 60 e il 70% dei campioni di eroina raccolti nelle zone di consumo delle città di confine contenevano fentanil.
Nel 2020, Verter era a conoscenza di almeno quattro decessi per overdose nello stato settentrionale della Baja California, ma non ci sono ancora dati ufficiali o studi che facciano un conteggio esatto dei decessi in Messico.

"Il problema è molto serio e le autorità non hanno idea di come affrontarlo", ha detto Slim al quotidiano locale Reforma.
Le organizzazioni civili messicane portano avanti un'intensa campagna di sensibilizzazione tra i tossicodipendenti a evitare l'uso del fentanil e distribuire il "naloxone", un farmaco per il trattamento dell'overdose da oppiacei, ma per ottenerlo è necessaria una prescrizione.
Le ONG hanno chiesto alle autorità di rimuovere il naxolone dall'elenco degli psicofarmaci, in quanto non si tratta propriamente di quel tipo di sostanza, al fine di eliminare l'obbligo di prescrizione.
Nel 2021, il leader del partito al governo al Senato, Ricardo Monreal, ha presentato un'iniziativa per rimuovere questo farmaco dall'elenco delle droghe controllate, ma è stata respinta.
Il Messico è il principale fornitore di fentanil negli Stati Uniti e nel 2021 ha sequestrato 1.852 chili di questa sostanza, un dato storico, ma che rappresenta solo la "punta dell'iceberg".

Il generale Luis Cresencio Sandoval, ministro della Difesa, ha sottolineato che una quantità così grande di questa droga non era mai stata sequestrata prima, che si confronta con i 3.497 chili di quanto sequestrato tra il 2016 e il 2018, cioè cinque volte meno.
Secondo il ministro, le organizzazioni criminali si sono rivolte alla produzione e al trasferimento di droghe "più letali" perché "concedono loro maggiori profitti" perché è più facile produrle, a base di precursori chimici provenienti dall'Asia.
Gli Stati Uniti hanno fatto pressioni sul Messico per dare la massima priorità al sequestro del fentanil e alla distruzione dei laboratori che producono questo narcotico.
L'agenzia di controllo della droga degli Stati Uniti (DEA) ha denunciato che le bande criminali utilizzano applicazioni di messaggistica mobile per il traffico di fentanil nel suo territorio.
"La facilità con cui i trafficanti operano sui social media e altre popolari app per smartphone stanno alimentando l'epidemia di overdose", ha affermato il direttore della DEA Anne Milgram.
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS