testata ADUC
Guerra alla droga in Messico. Gli ultimi dieci anni dei cartelli e l’egemonia 2020
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Redazione
27 dicembre 2020 18:46
 
 Negli ultimi 40 anni, il monopolio della droga in Messico si è frammentato a tal punto che da un gruppo come il Cartello di Guadalajara negli anni '80, ci sono attualmente 19 gruppi con portata regionale, comprese due fazioni transnazionali e circa 230 cellule che contendono territori strategici o sono l'ala armata per consolidare un impero a costo di sangue e proiettili.
Il cartello Jalisco Nueva Generación (CJNG), con una presenza in almeno 24 stati su 32, è il gruppo criminale che si è consolidato nell'ultimo decennio. Sotto la guida di Nemesio Oseguera Cervantes, El Mencho, l'organizzazione è passata dall'occupazione di quattro stati a sei volte il suo dominio dal 2012 al 2020.

Era il 2015 quando il CJNG ha iniziato a mostrare la sua capacità di fuoco e di sfida allo Stato messicano, da allora non si è fermato con vari massacri di agenti di polizia, attacchi contro alti personaggi politici e la sua espansione nei cinque continenti per operazioni criminali. Cinque anni fa, i loro legami si estendevano tra otto e 11 stati, secondo i rapporti messicani e la US Drug Control Administration (DEA).

Nel contempo il cartello di Sinaloa, i cui antecedenti risalgono al 1990, ha gestito il suo potere e ha dovuto fa fronte alle ambizioni del CJNG per la conquista del territorio. Nonostante la definitiva caduta di Joaquín Guzmán Loera, El Chapo, nel 2016, l'organizzazione mantiene la sua egemonia grazie a Ismael Zambada García, El Mayo, un leader storico che non ha mai messo piede in prigione da quando ha iniziato e ha costruito il suo impero criminale a metà degli anni ‘80.
 Secondo i dati della DEA, il CJNG e il Cartello di Sinaloa (chiamato anche Pacifico) sono le principali organizzazioni criminali transnazionali che trafficano stupefacenti negli Stati Uniti. Gli ultimi tre anni hanno visto l'aumento delle spedizioni di fentanil e metanfetamina, oltre ad altre droghe tradizionali come cocaina, eroina e marijuana.

Per realizzare le loro operazioni, hanno sviluppato collegamenti in Paesi andini come Colombia, Bolivia e Perù, nonché precursori chimici esportati dall'Asia, in nazioni come Cina e India. La loro struttura criminale si estende al Nord Africa, in particolare nell'area del Sahel, da dove entrano per esportare poi stupefacenti in Europa.

Insieme all'acquisizione di armi e ad una rete finanziaria per combattere le forze dell'ordine e per riciclare il denaro, sono anche i cartelli con più potere e influenza nell 2020.
 A differenza del cartello guidato da El Mayo, il CJNG non ha cellule regionali, ma ha stabilito alleanze con gruppi già radicati sul territorio, e questo gli ha consentito di estendere il suo potere, secondo un'analisi di Insight Crime. Fino a dicembre di quest'anno, al contrario, il cartello di Sinaloa aveva 18 gruppi armati all'interno, distribuiti nel nord, centro e costa pacifica del Paese.
Secondo la DEA le organizzazioni di Beltrán Leyva, Juarez Cartel, Gulf Cartel e Los Zetas, continuano il loro traffico di droga negli Stati Uniti, ma con un calo negli ultimi 10 anni.

Di conseguenza, le sue scissioni si sono moltiplicate, e questo ha portato ad un'atomizzazione della violenza, poiché la disputa territoriale è più feroce contro i gruppi che in precedenza erano alleati. In pratica, c'è una lotta costante per la protezione delle piazze nella stessa area geografica.
Nelle regioni in cui operano, queste fazioni vendono e distribuiscono droghe o diversificano le loro attività illegali per ottenere profitti che poi finanziano le attività locali (pagare i loro affiiati e armarli). Ad esempio, ci sono gruppi dediti all'estorsione, al rapimento, al furto di idrocarburi, al traffico di donne o al controllo del passaggio di migranti negli Stati Uniti.
 Secondo un rapporto di Lantia Consultores, nel Paese sono presenti 231 gruppi criminali. Il dato è il frutto di un'analisi delle fonti pubbliche e fissato al 16 novembre dello scorso anno. Ciò include cartelli, gang, cellule, spin-off, mafie locali o regionali.
L'organizzazione ha stabilito che il CJNG operava in 31 stati del paese e il cartello di Sinaloa in 29, ad eccezione di Jalisco, Hidalgo e San Luis Potosí. Anche se fonti di stampa indicano che quelli guidati da El Mayo Zambada hanno un conflitto in corso a Puerto Vallarta contro quelli di El Mencho.
Da parte sua, la Financial Intelligence Unit (FIU) ha individuato almeno 19 cartelli in Messico. Santiago Nieto, capo dell'agenzia, ha presentato il 5 agosto una mappatura basata sui rapporti del Segretariato della Difesa Nazionale e del National Intelligence Center.

Delle 19 fazioni, almeno otto hanno notevolmente incrementato le loro operazioni a livello locale: Los Viagras, a Michoacán; Guerreros Unidos e Los Rojos, a Guerrero; Cartello di Santa Rosa de Lima, a Guanajuato; l'Unión Tepito e il cartello di Tláhuac nella capitale messicana e, naturalmente, il cartello Jalisco Nueva Generación e Sinaloa.
 Durante Il mandato di sei anni dell’ex-presidente Enrique Peña Nieto - ha precisato il capo dell'UIF – si sono rafforzati Los Marquina e il Cartel de la Sierra a Guerrero, La Nueva Famillia Michoacan a Michoacán, La Nueva Plaza a Colima e Jalisco, così come Los Colombianos a Morelos.

La mappatura della criminalità organizzata risulta imprecisa dal 2015, anno in cui la Procura Generale (FGR) ha redatto il suo ultimo elenco. Ad esempio, la lista n.001700282717, datata novembre 2017 e dove sono elencati i dati del 2011, è la stessa del 2020 n.0001700997720.
Secondo quel documento, erano presenti l'Arellano Félix, Carrillo Fuentes, I Cavalieri Templari, il Cartello del Golfo, Los Zetas, Beltrán Leyva, la Famiglia Michoacan, così come il CJNG e il Cartello del Pacifico. Tutti questi gruppi hanno aggiunto 37 sottostrutture in 19 stati del paese.
Tuttavia, alcuni di questi gruppi non operano più o hanno formato nuove associazioni. Ad esempio, i Carrillo Fuentes, sempre con la stessa potenza armata, si sono mutati nel cosiddetto cartello New Juarez a Chihuahua.

Mentre una parte dei Cavalieri Templari si sono trasformati in quelli che una volta erano gruppi di autodifesa, come Los Viagras o quelli guidati da Juan José Álvarez Farías, alias El Abuelo.

In questo modo, l'FGR non tiene conto del Cartello del Nordest e della Tropa del Infierno (Truppa infernale) a Tamaulipas, Zacatecas e San Luis Potosí, così come l'UIF non fa riferimento al cosiddetto Grupo Sombra (Gruppo Ombra) a Veracruz. Molto meno si riferisce al cartello di San Luis Potosí Nueva Generación, con sedi a Huasteca Sur, Ciudad Valles, Tamuín, San Vicente Tancuayalab e Tanquián. E non ci sono menzioni del cartello di Caborca, una fazione presumibilmente guidata da Rafael Caro Quintero nel deserto di Sonora.
Sebbene si tratti di divisioni, e la complessità del tracciamento sia implicita, c’è da notare i tanti gruppi criminali che si sono formati oltre la mappatura disponibile per l'UIF.

Quel che è certo, invece, è che queste fazioni sono lungi dall'essere estirpate e anche con l'arresto dei loro leader continuano a operare, come è stato dimostrato nell'ultimo decennio. Il bagno di sangue, le persone scomparse, i cadaveri in tombe clandestine, i servizi giudiziali sommersi di lavoro, così come la sofferenza di milioni di persone continueranno ad essere le conseguenze.

(articolo da Infobae del 27/12/2020)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori