testata ADUC
Mps: un bel centro commerciale e una residenza per studenti in piazza Salimbeni? Irriverente?
Scarica e stampa il PDF
Articolo di Vincenzo Donvito
3 agosto 2021 9:27
 
Uno dei tormentoni “secondari” di questa estate è “Mps, come”? * Nel senso: come riusciamo a fare entrare Unicredit per sostituire gran parte dell’attuale 70% di proprietà dello Stato, che dal 2017 è lì per impedire l’affondo dopo anni di scorribande finanziare sulla pelle di risparmiatori e a favore delle locali amministrazioni e dei partiti (inclusa Arcidiocesi), tutti di sinistra? (1) E come farlo senza fare troppo incazzare i sindacati per i paventati 6.000 licenziamenti?
Per gli amanti del genere c’è la difficoltà della scelta: ogni media che si rispetti ha il suo articolo, preoccupato, più o meno riverente, magari non direttamente, ma alla filosofia di base del sistema bancario italiano: “una banca non fallisce mai” (2).

Ci siamo fatti un giretto a Siena e non abbiamo non potuto ri-ammirare la portentosa sede Mps di piazza Salimbeni ed abbiamo fatto mente locale ai tanto quanto disperati appelli della politica locale (comunale e regionale) perché il contenuto di quei maestosi palazzi vada preservato in quanto tessuto economico e sociale. E poi, vuoi mettere, una banca che dal 1472… e giù con la retorica/marketing che in questi ultimi decenni ha mantenuto in vita Mps.
La Toscana è paesaggisticamente, architettoticamente e storicamente terra meravigliosa… è questo motivo per aggettivare con altrettanta bellezza gli attuali eredi/gestori di questo patrimonio? Non certo per quelli in piazza Salimbeni, visto che si fanno pagare da tutti i contribuenti italiani (modello Alitalia) per continuare a “rendere grande” questa città.
Nel contempo abbiamo osservato, nei tanti angoli in cui sono, le botteghe dominanti “Nannini” (pasticceria e non solo) e, per rendere omaggio alla sete di economia, di conoscenza e di attrazione turistica, abbiamo pensato: certo, in piazza Salimbeni ci starebbe bene un centro commerciale integrato con una residenza studentesca: i turisti consumatori non mancano e le merci eccellenti il luogo è in grado di offrirle; e poi, azienda non certo in crisi e di notevole prestigio, l’Università, ha sempre bisogno di tutto.

Proposta e pensieri irriverenti, ma mica tanto… ovviamente se pensiamo ad incentivare l’economia e non il potere sulla stessa da parte degli attuali gestori partitici. La differenza è che il nostro è un pensiero produttivo e futuribile, l’attuale… è quello che è.

PS
ovviamente Mps andrebbe chiusa

* “Mps sì o no” è solo una supernicchia come la nostra
1 - https://investire.aduc.it/comunicato/mps+ma+sappiamo+bene+chi+cosa+ha+fatto+verso+nuova_33003.php
2 - Avete presente il negozio all’angolo che per il covid ha chiuso perché non reggeva la concorrenza col super e con l’online? O l’azienda di quell’amico andata a gambe all’aria perché l’export dei componenti che produceva verso l’estero si è affossato grazie al covid e alla concorrenza asiatica? Beh, loro non hanno lo Stato Pantalone che li tutela; le loro associazioni di categoria non contano nulla se non per alzare la voce contro qualche ztl urbana… vuoi mettere Bankitalia, Abi e tutti i partiti che ti proteggono perchè tu banca sei il tessuto portante della nostra economia (spesso basata sulla finanza allegra), mentre all’economia del negozio e della fabbrichetta al massimo gli danno una delazione per qualche imposta… e impiccati!
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS