testata ADUC
Il nostro riscaldamento domestico e la Cop28
Scarica e stampa il PDF
13 dicembre 2023 9:53
 
 
Cop28. Vengono in mente queste giornate quasi invernali, con gli occhi fissi al termostato e attenzione a maglioni, scaldamani et similia. 18, 20, 22, 23 i numeri più digitati quando si entra o si esce da casa, in ufficio… e le lamentele di chi vive dove c’è un riscaldamento condominiale centralizzato… insomma un percorso che, per molti e per fortuna, è già diventato abitudine, coi Comuni che ci indicano le fasce orarie e la nostra acquisita virtuosità di amministrati,  ecologisti e consapevoli.

Vengono anche in mente i sacrifici economici che ci vengono chiesti/imposti perché i mezzi di locomozione siano adeguati agli standard ecologici del cosiddetto Green New Deal.

Ma la Cop28 di Dubai? Fiasco o quasi un fiasco? Il suo presidente Sultan al-Jaber che ci ha ospitato a casa sua, Dubai, e ha detto che senza il fossile si tornerebbe alla caverne, e il documento finale che sembra non riporterà nessun accenno all’uscita dal fossile? E lo ha detto ad una pletora di 70mila delegati che, a parte i consueti e colorati ambientalisti, sono lobbisti, lì per contratti con tutti i manager mondiali del fossile,  e politici, tutti arrivati numerosi coi loro inquinanti aerei privati e che, per capire l’andazzo, citiamo il caso del Regno Unito: erano presenti re Carlo III, il primo ministro e il ministro degli Esteri che hanno viaggiato su tre aerei privati separati.

Qui alcuni ambientalisti continuano a colorare mari, fiumi e palazzi, e a far giustamente imbestialire chi è vittima dei loro blocchi della circolazione stradale, ricordandoci cose che tutti, inclusi quelli del termostato di casa, già sanno (hanno ben individuato i loro interlocutori?).

E sempre qui dicono che si sia aperto un confronto pubblico e istituzionale per il passaggio al nucleare: curiosi prostriamo le orecchie… slogan, slogan e slogan (certo, cercando col lanternino si trova anche roba decente per capire e sperare, ma… col lanternino).

Noi, quelli del termostato, siamo basiti. Costi delle bollette permettendo, chissà come valuteremo il nostro, quanto inutile, comportamento ecologico.

Qui il video sul canale YouTUbe  di Aduc

 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS