testata ADUC
Turismo in Egitto e Giordania. Evitare!
Scarica e stampa il PDF
3 novembre 2023 10:49
 

Ovviamente nessuno oggi partirebbe per visitare Israele, i Territori palestinesi o il Libano. E si contano sulle punte delle dita chi va in iraq o Siria. Si tratta, a parte Israele, di destinazioni che in questi ultimi decenni sono state comunque di un turismo di nicchia. Nicchia che però non è per due altri Paesi della zona, Egitto e Giordania, politicamente oltre che storicamente e geograficamente molto coinvolti nei conflitti in corso. 

In questi giorni entrambi  i Paesi, colpiti da diverse cancellazioni di viaggi, si sono fatti avanti per scongiurare queste disdette.
Il “Jordan Tourism Board Italy” fa sapere che la Giordania è un paese mediororientale in pace con tutti, tranquillo e ospitale, e che dall’8 ottobre in poi (irruzione di Hamas in Israele) non si registrano problemi.
Il ministro del turismo egiziano, volato nei giorni scorsi a Roma per tranquillizzare gli operatori turistici, ha ricordato che l’Egitto è un grande Paese che da sempre lavora per la pace e continua l’impegno in atto per migliorare i servizi (alberghi e trasporti).
Il sito del ministero italiano degli Esteri che segnala le situazioni di crisi per chi si reca all’estero (Viaggiare sicuri), non indica problemi per entrambi i Paesi.

Tutto a posto?
Certo, oggi potrebbe essere un problema anche fare un viaggio a Parigi, Bruxelles, Londra e Berlino, per esempio, dove si registrano episodi violenti filo-Hamas di intolleranza (spesso a caso e non con precisione di obiettivi). Ma è innegabile che Giordania ed Egitto non sono Paesi potenzialmente sicuri quanto le quattro capitali europee citate. Inoltre, la situazione in “zona” e non solo, può degenerare nel giro di poche ore e - non sarebbe la prima volta - le persone più colpite sono spesso i turisti, soprattutto se di Paesi che sostengono in qualche modo Israele.

Il nostro consiglio - non ce ne vogliano egiziani e giordani - è di evitare questi Paesi: la situazione è esplosiva (e potrebbe diventare tale anche a Roma… per inquadrare il contesto). L’archeologia, le bellezze naturali e storiche, le popolazioni di questi Paesi meritano di essere conosciute in presenza, ma non ora. Il fatto che loro ci rassicurano e che il nostro ministero degli Esteri non comunichi criticità, non basta… non sarebbe la prima volta che le istituzioni arrivano troppo tardi.

Qui il video sul canale YouTube di Aduc
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS