testata ADUC
Vino e servizio pubblico informazione
Scarica e stampa il PDF
19 dicembre 2023 10:55
 
  
"Abbiamo qualche nemico in casa tra virgolette, non riesco a comprendere ed è una cosa che mi ha un po' condizionato questa notte. Lo chiamerò per sapere perché dobbiamo avere sulla tv di Stato persone che aggrediscono i nostri prodotti".
  Sono le parole (agenzia Ansa) del ministro dell’Agricoltura e sovranità alimentare, Francesco Lollobrigida, in merito ad una trasmissione di Rai 3 in cui è stato spiegato come funziona la produzione del vino. 

Considerate anche le reazioni che ci sono state da parte di associazioni di produttori, indignati perché dicono che si è voluta screditare tutta la categoria, quando invece il servizio era essenzialmente sui metodi legali, si intuisce che il “problemadi queste associazioni e del nostro ministro, è che di certe cose (cosa c’è nel vino) non se ne deve parlare.

Noi, ingenui come sempre, abbiamo colto l’occasione per invitare le istituzioni a valutare l'introduzione di etichette che, come per esempio accade per l’acqua, riportino tutto quello che c’è dentro quel prodotto che viene venduto col nome di vino. Siccome i componenti, oltre l’uva sono decine e decine, talvolta anche un po’ impressionanti (tipo l’uso di gelatine animali in prodotti che in genere sono consumati anche perché vegetali), non ci sembrava opera denigratoria, ma proprio il contrario.

Ma il problema evidentemente è altro. “Perché dobbiamo avere sulla tv di Stato persone che aggrediscono i nostri prodotti”... “lo chiamerò”... è l’opinione ministeriale che apre uno squarcio su cosa debba essere, secondo Lollobrigida, il servizio pubblico Rai: una sorta di megafono del governo dove, non solo non si dovrebbe informare su ciò che è illegale ma, come nel nostro specifico caso, porre il problema dell’informazione su cosa contiene un prodotto… figurati se questo, il vino, è uno dei simboli dell’Italia… e figurati, poi, se si chiede - come abbiamo fatto noi ingenui - che il consumatore debba essere informato su cosa sta bevendo.

Continuando ad essere ingenui, siamo basiti e auspichiamo che la vicenda non si fermi qui per due aspetti:
- politici e produttori di vino: trasparenza e informazione sono un problema?
- politici e informatori del servizio pubblico: trasparenza e informazione sono un problema?

Qui il video sul canale YouTube di Aduc


 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza economica sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
ARTICOLI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione Utenti e Consumatori APS