testata ADUC
 MONDO - MONDO - Microplastiche nella catena alimentare umana. Studio
Scarica e stampa il PDF
Notizia 
24 ottobre 2018 8:20
 
Nei prossimi 60 secondi, nel mondo sarà acquistato un milione di bottiglie e due milioni di sacchetti di plastica. E anche se la maggior parte di questi oggetti impiegherà più di 1.000 anni a degradarsi nell'ambiente, in parte si disperderanno molto prima in minuscoli frammenti, noti come microplastiche, ormai presenti negli oceani, nei pesci, nell'acqua di rubinetto e persino nel sale da cucina. Ora - riporta il 'New York Times' - possiamo aggiungere un altro luogo alla lista dei posti dove queste sostanze si depositano: l'intestino umano. A dimostrarlo è un piccolo studio pilota, attraverso cui i ricercatori hanno cercato microplastiche nei campioni di feci di 8 persone provenienti da Finlandia, Italia, Giappone, Paesi Bassi, Polonia, Russia, Regno Unito e Austria. Con loro sorpresa, ogni singolo campione è risultato positivo alla presenza di una varietà di microplastiche. "Questo è il primo studio nel suo genere", afferma Philipp Schwabl, gastroenterologo della Medical University di Vienna e autore principale dello studio. E "i risultati sono stati sorprendenti". Da questi primi dati non si possono prevedere le implicazioni sulla salute e per questo gli esperti sperano di completare uno studio più ampio. Le microplastiche - categoria in cui rientrano i pezzi di plastica di lunghezza inferiore a 0,02 pollici, grosso modo le dimensioni di un chicco di riso - sono diventate una delle principali preoccupazioni per i ricercatori ambientali negli ultimi 10 anni. La maggior parte si forma come risultato non intenzionale della rottura di parti in plastica più grandi. Diversi studi hanno riscontrato livelli elevati di questi composti nel mare e l'anno scorso sono state rilevate microplastiche nell'83% dei campioni di acqua di rubinetto in tutto il mondo. Il più alto tasso di contaminazione apparteneva agli Stati Uniti, dove il 94% dei campioni è risultato positivo.
I ricercatori hanno a lungo sospettato che le microplastiche potessero ormai trovarsi anche nell'intestino umano. E un precedente studio ha stimato che le persone che mangiano regolarmente crostacei possono arrivare a consumare fino a 11.000 pezzi di plastica all'anno. Il nuovo lavoro, che è stato presentato lunedì a una conferenza di gastroenterologia in Austria, potrebbe fornire supporto ai biologi marini che da tempo lanciano allerte sui pericoli legati alle microplastiche nei nostri oceani. Ma il documento suggerisce che le microplastiche stanno entrando nel nostro corpo anche attraverso altri mezzi: due degli otto partecipanti hanno infatti affermato di non consumare pesce. Per lo studio, gli esperti hanno tenuto diari alimentari per una settimana e fornito campioni di feci. I medici li hanno analizzati con uno spettrometro. Sono stati rilevati fino a 9 diversi tipi di plastica, con dimensioni comprese tra 0,002 e 0,02 pollici. Le plastiche più comuni rilevate sono risultate polipropilene e tereftalato di polietilene, entrambi componenti principali di bottiglie e tappi di plastica. "La maggior parte dei partecipanti ha bevuto liquidi da bottiglie di plastica. Ed è anche altamente probabile che il cibo venga contaminato dalla plastica durante le varie fasi di lavorazione o di confezionamento", dice Schwabl. Insomma, anche se la concentrazione di contaminanti - 20 particelle microplastiche per 10 grammi di feci - è risultata relativamente bassa, gli esperti assicurano che la situazione è degna di essere approfondita. 
 
 
NOTIZIE IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori