testata ADUC
1euro / 1 sterlina. Lo scenario si precisa
Scarica e stampa il PDF
Stati uniti d'europa di Redazione
8 settembre 2019 16:41
 
 Quasi trent'anni fa, la Gran Bretagna si unì al Sistema monetario europeo (SME). Prima dell'ottobre 1990, Margaret Thatcher aveva stabilito che la sua sterlina valeva tre marchi tedeschi. Circa 2 euro per una sterlina sulla base dei tassi di cambio del 1999. Gli analisti giudicarono questo tasso di cambio surreale e decisamente troppo alto. Nei mesi che seguirono, nel contesto della cooperazione monetaria europea, ogni Paese membro doveva difendere questo tasso di cambio cruciale. In termini concreti, la Bundesbank e la Banque de France hanno acquistato sterline in grandi quantità per sostenere il suo corso.

Nel settembre 1992, George Soros, all'epoca guru di Wall Street, annuncia che speculerà contro la sterlina. Il tempismo sembra ideale. La valuta è ancora sopravvalutata, totalmente disconnessa dalla situazione economica. La solidarietà delle banche centrali europee sta finendo. La Bank of England (BoE), in un riflesso "Thatcheriano", spazza via qualsiasi prospettiva di svalutazione e annuncia che difenderà la sua valuta senza vacillare. Infatti, durante il singolo mercoledì nero, esaurì tutte le sue riserve di valuta estera per sostenere la sterlina (50 miliardi!). Svalutazione di circa il 15%. Se la sterlina dovesse raggiungere nelle prossime settimane 1 euro, visti i tassi di cambio adottati il ??4 gennaio 1999, avrebbe perso oltre un terzo del suo valore.

La storia recente del tasso di cambio tra le due valute rende questa previsione sempre meno inverosimile. Il giorno prima della votazione sulla Brexit nel giugno 2016, abbiamo ancora quotato 1,30 euro / sterlina. Dalla nomina del nuovo primo ministro a maggio 2019, la sterlina continua a indebolirsi: 1,19 euro / sterlina all'inizio di maggio e 1,10 euro / sterlina ad oggi. Di questo passo, tra due mesi, verrà raggiunta la parità. Dovrebbe essere visto come un simbolo del fallimento della strategia di uscita britannica? A meno che questa svalutazione competitiva non sia un vantaggio.
Ciò è improbabile nella misura in cui il potenziale agricolo e industriale britannico probabilmente non gli consentirà di recuperare i suoi conti. Ecco perché l'Inghilterra sogna di trasformare il Paese in un gigantesco posto offshore, come Singapore. Attira i capitali europei e le banche e butta acqua sulle istituzioni finanziarie del continente. Ma rinuncerebbe al passaporto finanziario europeo permettendo alle banche di Oltremanica di operare nel continente. Sembra improbabile che il valore della sterlina aumenti nel prossimo futuro. Nel frattempo, la BoE si astiene da qualsiasi variazione dei tassi di interesse per mantenere intatto il suo spazio di manovra.

Quale sarebbe la probabilità di un tasso di cambio euro-sterlina? La semplice continuazione della tendenza recente non può essere convalidata. In tal caso, una quotazione di 1,00 euro / sterlina sarebbe già stata rilevata sul mercato dei cambi.

Ora consideriamo il mercato dei futures sulle valute di Chicago. Dai contratti futures in scadenza a ottobre 2019, dollaro / sterlina e dollaro / euro, possiamo ricostruire una previsione del tasso di 1,09 euro / sterlina. Ad oggi, gli operatori non prevedono ulteriori cali della sterlina inglese.
Diamo quindi un'occhiata alla volatilità attesa in questo stesso mercato. L'indice è dell'11% rispetto al dollaro, mentre è del 6% per l'euro. L'incertezza sulla sterlina è raddoppiata per due mesi. Secondo la legge normale, la sterlina avrebbe una probabilità del 70% di variare + o - 11% rispetto al dollaro in un anno. Ma questa legge statistica è ancora pertinente nel contesto della Brexit?

Se il mercato fa fatica a creare una tendenza per la sterlina entro la fine del 31 ottobre, le preoccupazioni si accumulano pericolosamente. Tutti paghiamo il prezzo del rischio e l'incertezza che i britannici pongono nell'Unione europea. Sul quotidiano Financial Times, il mercato di Londra viene confrontato con un mercato emergente. La soap opera della sterlina non ha finito di perseguitarci nelle prossime settimane.

(articolo di Pierre Gruson , professore di Finanza alla Kedge Business School di Bordeaux, pubblicato sul quotidiano Les Echos del 02/09/2019)
 
 
STATI UNITI D'EUROPA IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori