testata ADUC
Brexit: il leone e l’asino
Scarica e stampa il PDF
Stati uniti d'europa di Redazione
30 marzo 2019 10:22
 
 Potremmo essere dentro una vecchia canzone di Michel Polnareff: è una camera che fa no, no, no, no, no. Dopo aver votato negativamente su tutte le opzioni alternative che erano state presentate, la Camera dei comuni ha respinto per la terza volta l’accordo firmato tra il governo May e l’Unione europea. Come dicono gli inglesi: May way? No way. Su cosa il Parlamento ha detto no? Sull’indecisione totale del popolo britannico.
Lo spettro di una “hard Brexit” temuta da tutti si sta quindi avvicinando a grandi passi. Tredici giorni per evitarla: è un po’ poco. Osservazione provvisoria: se la “hard Brexit” si impone, è contro la volontà di tutti, del popolo e dei suoi rappresentanti. La metà dei cittadini, all’incirca, vorrebbe restare nell’Unione, e un’altra parte, indeterminata ma reale, auspica un amichevole accordo di separazione. L’assurdità arriverebbe quindi alla sua conclusione: in nome del popolo si prevederebbe una soluzione che il popolo non vuole in nessun caso. Tutto questo per rispettare la sua voce.
L’altra opinione? Una nuova relazione, almeno per un anno, questa volta. Nel frattempo, il governo cambierebbe rotta o testa. Rotta: May, sempre al suo posto, cercherebbe una maggioranza per approvare una soluzione alla norvegese (fuori dell’unione politica ma dentro l’unione doganale). Testa: May si dissolve e un nuovo primo ministro – o una nuova prima ministro – si dà da fare. Oppure un nuovo voto: delle elezioni, come le reclama Jeremy Corbyn, senza sapere cosa potrebbe venirne fuori, o un secondo referendum, che alimenterebbe la retorica sulla “Europa-prigione”, ma permetterebbe agli elettori di pronunciarsi alla luce dell’esperienza dei tre ultimi anni. Il Regno-Disunito cerca la via d’uscita. Il leone britannico si è trasformato in un asino del Buridan.

(editoriale di Laurent Joffrin, pubblicato sul quotidiano Libération del 30/03/2019)
 
 
STATI UNITI D'EUROPA IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori