testata ADUC
Brexit no-deal. Le ricadute sui prodotti di consumo
Scarica e stampa il PDF
Stati uniti d'europa di Redazione
31 gennaio 2019 9:40
 
I rivenditori di prodotti alimentari in Gran Bretagna hanno allertato i legislatori in questi giorni che la Brexit può diventare un problema per ciò che si mangia. Un abbandono dell'Unione Europea senza un accordo sarebbe costoso e limiterebbe gli approvvigionamenti hanno scritto i dirigenti di alcune aziende in una lettera pubblica. Hanno aggiunto: "Temiamo interruzioni significative a breve termine".
In altre parole: abbiamo esaurito la pazienza e potremmo essere a corto di cibo.
"Siamo estremamente preoccupati per il fatto che i nostri clienti saranno tra i primi a sperimentare la realtà di una Brexit senza accordo", è scritto nella lettera, firmata da imrenditori di catene di supermercati come Asda di proprietà di Walmart, e persino da fast-food come McDonald's.
Ecco come il cibo e la catena alimentare britannica potrebbero subirne le conseguenze.
Lattuga appassita, fragole ammuffite
Quasi un terzo del cibo consumato in Gran Bretagna proviene dall'Unione Europea, e gran parte di esso attraversa il confine senza problemi. Il caos creato dal Paese che esc4e senza accordi potrebbe portare a molte insalate bloccate nei maggiori ingorghi d traffico e controlli doganali dopo il 29 marzo, quando la Gran Bretagna uscirà dall’Unione.
In questo periodo dell’anno circa il 90 percento della lattuga, l'80 percento dei pomodori e il 70 percento delle fragole e dei mirtilli in Gran Bretagna provengono dall'Unione Europea. Non possono essere immagazzinati - e anche se fosse possibile, lo spazio di stockaggio si sta esaurendo.
I rivenditori di solito non immagazzinano per più di due settimane. "Per i consumatori, questo ridurrà la disponibilità e la durata di molti prodotti nei nostri negozi".
Il costo del cibo potrebbe aumentare in modo significativo in quanto le tariffe aumentano rispetto ai prezzi delle importazioni. Attualmente la Gran Bretagna paga dei dazi doganali per circa il 10% del cibo importato.
Nel caso di una Brexit senza accordo, è possibile che il governo britannico possa cercare di alleviare l'aumento dei prezzi dei prodotti alimentari abbassando le tariffe dei prodotti provenienti dall'Unione europea che non sono coltivati ??in Gran Bretagna. Gli agrumi, come le arance, sarebbero tra questi. Ciò limiterebbe una parte della pressione sui prezzi, ha affermato Dmitry Grozoubinski, ex negoziatore commerciale presso l'Organizzazione mondiale del commercio.
Ma ci sono ancora 60 giorni prima che la Gran Bretagna lasci l'Unione europea - e nessuna decisione su questi prodotti è stata presa.
Vendite difficili per gli agricoltori
Le tariffe imposte dall'Unione europea colpirebbero gli agricoltori britannici che si affidano alle esportazioni per il loro business.
Ad esempio, l'agnello del Regno Unito è ora venduto nell'Unione europea senza imposte doganali. In caso di Brexit no-deal, il prezzo di acquisto di un agnello britannico da parte dei compratori in Europa potrebbe aumentare fino al 45% a causa delle nuove tariffe.
Esiste un sistema di quote per i venditori che non sarebbero compresi nel nuovo blocco: una certa quantità di cibo spedito nell'Unione europea è priva di dazi. Ma si tratta di prodotti molto competitivi. Le operazioni più piccole, in particolare, potrebbero avere difficoltà nel procurarsi la necessaria documentazione per il lasciapassare.
Quindi, gli agricoltori che vendono principalmente all'Unione europea dovrebbero cercare nuovi mercati - in Paesi con accordi di libero scambio - e clienti al di fuori dell'Unione europea.
Ma ciò richiederebbe anche di avere standard di sicurezza alimentare al di fuori di quelli attuali, oltre a doversi ingegnare per lavorare in un nuovo mercato, dovendo competere con concorrenti che sono su questi mercati già da tempo e quindi più introdotti. Un agricoltore che vende agnello, ad esempio, "potrebbe tentare di entrare in dei mercati dove Australia, Nuova Zelanda, Argentina e altri sono già presenti da molto tempo e probabilmente avrebbero difficoltà", ha spiegato Grozoubinski.
Una terra di latte e miele (controllati)?
Pollame, prodotti come latte e yogurt e persino il miele potrebbero avere problemi per il loro import e una serie di nuovi controlli per il loro export:
    • Controlli documentali: tutti i prodotti di origine animale saranno soggetti a questi controlli non appena entreranno in Europa.
    • Controlli fisici: il personale dei posti d'ispezione frontalieri preleverà campioni e verificherà che i prodotti siano sicuri per il consumo. Questi controlli verranno applicati per almeno il 50% di questi prodotti.
Di conseguenza, sono previsti dei restringimenti al flusso delle merci. Paesi come Francia e Paesi Bassi stanno ampliando le infrastrutture, come i posti di controllo. Da parte britannica, il governo alcune settimane fa ha simulato un ingorgo artificiale per i camion come parte della sua preparazione alla Brexit. Una simulazione che è stata ampiamente ridicolizzata.
Queste limitazioni possono essere molto avvertite al confine irlandese. Gli agricoltori dell'Irlanda del Nord mandano il loro latte fresco a sud per essere pastorizzato nella Repubblica d'Irlanda. "Il motivo per cui condividono questa produzione oltre confine è per l'economia di scala", ha dichiarato Katy Hayward, doce di sociologia politica alla Queen's University di Belfast.
Ma quelle economie di scala possono essere perse se un'uscita dall’UE senza un accordo portasse ad un qualche tipo di confine rigido. "Ciò comporta infrastrutture fisiche e un onere economico per il produttore", ha dichiarato il dott. Hayward. "Non ci sono possibilità del genere al momento."
Il primo ministro Theresa May vuole riaprire i negoziati con i leader europei questa settimana sul cosiddetto piano di sostegno irlandese, una politica per mantenere le merci che fluiscono attraverso il confine irlandese. Hanno già fatto sapere che la questione non è soggetta a discussione. Una politica che costerà molto al negoziante di prodotti alimentari.
Mark Carney, il governatore della Bank of England, ha fatto sapere che i prezzi del cibo potrebbero salire dal 5 al 10 per cento in caso di Brexit no-deal.
Il British Retail Consortium stima che circa un quinto di tutti i formaggi nei supermercati è importato dall'Unione Europea - e i consumatori pagheranno di più per le pratiche burocratiche e le ispezioni necessarie per ottenere questo tipo di prodotti.
I dettaglianti nella loro lettera hanno fatto notare che ci sarebbe "una inevitabile pressione sui prezzi degli alimenti in virtù di maggiori costi di trasporto, svalutazione della valuta e tariffe doganali".

(articolo di Amie Tsang, pubblicato sul quotidiano The New York Times del 31/01/2019)
 
 
STATI UNITI D'EUROPA IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori