testata ADUC
Il buco nero della Brexit
Scarica e stampa il PDF
Stati uniti d'europa di Redazione
12 aprile 2019 16:30
 
Attenzione notizie false ... Un'immagine circola da alcuni giorni, e dovrebbe rappresentare uno dei "buchi neri" che punteggiano l'universo. C'è un vago globo arancione con contorni incerti che si avvolge attorno ad uno spazio vuoto, una spirale gassosa con una traiettoria nebulosa e un'evoluzione misteriosa. In effetti, tutti hanno capito, è un'immagine della Brexit.

Tornando indietro per fare meno salti possibile, europei e britannici hanno accettato di posticipare la scadenza al 31 ottobre, che coincide con la festa di Halloween. Quindi due mascherate si incontrano nel calendario. Si spera nel frattempo che il Regno Unito abbia risolto un'equazione inestricabile: come trasformare i tre terzi in due metà, uno dei quali supererà l'altro. L’opinione e il Parlamento, infatti, sono divisi in tre parti ineguali: Brexit difficile, Brexit soft, no Brexit. Ma nessuna di queste posizioni è una maggioranza e nessuno può unirle a due a due per raggiungere una decisione. I duri Brexiters non vogliono scendere a compromessi con l'Europa: rifiutano il testo firmato da Theresa May; i restanti non vogliono di più: sognano un referendum che annullerebbe qualsiasi Brexit. I Brexiters soft sono quindi isolati di fronte alla coalizione di chi non vuole niente e di chi vuole tutto; che, ovviamente, non può essere d'accordo, se non respingere tutto e non concedere nulla.

Al di fuori del Regno Unito, questa non chiara situazione consente a ciascuna parte di proiettare i propri pregiudizi al fine di formulare conclusioni insindacabili, tutte discutibili. I sostenitori dell'Unione evidenziano la paralisi che ha colpito il Regno Unito per tre anni e prevedere un disastro economico. Hanno ragione sul primo punto e sbagliano sul secondo. La vita politica britannica è effettivamente impantanata in un dibattito confuso e senza speranza, che rasenta l'assurdo; d'altra parte, l'economia del regno non sta andando così male e ha persino ridotto la disoccupazione al minimo storico (4%). Contrariamente alle previsioni apocalittiche dell'anti-Brexit, è probabile che supererà, dopo alcuni problemi transitori, l'ostacolo della separazione. Dopotutto, molti Paesi fuori dall'Unione stanno facendo altrettanto bene o male come quelli all'interno. La Gran Bretagna, un Paese resiliente sopravvissuto ai nazisti, sopravviverà anche alla Brexit. La vera argomentazione è questa: la Brexit non sarà una catastrofe, ma metterà il Paese alla prova senza portare ad esso nulla di tangibile, tranne l'illusione della sovranità.

I sovranisti, notando le difficoltà in atto, denunciano la "prigione europea". Un'altra fantasmagoria. È l'indecisione di Londra che blocca la Brexit e non l'inesistente "dittatura di Bruxelles". Se alla fine decideranno su una posizione chiara, i britannici potranno lasciare l'Unione in pochi giorni, accettando l'accordo firmato dal proprio governo o divorziando senza accordo. Tutto si basa su di loro e nessuno si metterà di traverso all'Unione, che non ha nulla di un impero e tutto di un incontro di Paesi liberi e consenzienti, ognuno dei quali può separarsi quando lo ritiene opportuno.

La verità è che la Brexit morbida, che dovrebbe scaturire spontaneamente dal voto referendario, consiste nell’abbandonare ogni influenza all'interno dell'Unione, ma rispettare le norme giuridiche decise a Bruxelles (per esempio rimanendo nell'Unione doganale). Ci si aspettava un guadagno di sovranità quando in realtà è una perdita. La Brexit dura è più coerente: usciamo e commerciamo liberamente con tutti. Ma di nuovo, c'è un cerchio. I duri Brexiters del Parlamento sono in realtà sovranisti liberali. Prevedono di liberalizzare ulteriormente la società britannica e di aprirla più ampiamente alla concorrenza globale. Sebbene l'elettorato ha votato per l'uscita sperando di proteggersi meglio dall'esterno si troverà di fronte, più direttamente, alle difficoltà della globalizzazione. Le persone votano per una cosa e ottengono il suo contrario. Questa è la principale bugia della Brexit. Da qui la paralisi di un Paese a cui è stata promessa una protezione migliore e si rende conto che gli si propone di immergersi nella globalizzazione senza lo scudo europeo. Vorremmo esitare a meno che …

(editoriale di Laurent Joffrin, pubblicato sul quotidiano Libération del 12/04/2019)
 
 
STATI UNITI D'EUROPA IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori