testata ADUC
Coronavirus. La Bce all’altezza del suo ruolo e della situazione emergenziale
Scarica e stampa il PDF
Stati uniti d'europa di Redazione
21 marzo 2020 13:43
 
Con il crescere dell'intensità dell'epidemia di coronavirus in Europa, la febbre è finalmente diminuita un po' finanziariamente. Il piano di emergenza deciso dalla Banca centrale europea (BCE), nella notte dal 18 al 19 marzo, ha aiutato a calmare gli spiriti nel tentativo di affrontare la crisi economica in arrivo in buon ordine.
L'istituzione, presieduta da Christine Lagarde, ha annunciato un programma di riacquisto di attivi da 750 miliardi di euro. Con le misure precedentemente adottate, l'importo totale dell'intervento supera ora i 1.000 miliardi di euro. Questo è più di ciò che la Federal Reserve americana ha mobilitato. Un bazooka monetario per alcuni, una decisione storica per altri, questo piano ha soprattutto una dimensione esistenziale proteggendo il Vecchio Continente, almeno per un certo periodo, da una nuova crisi potenzialmente letale nell'euro.
Il crollo delle economie dell'area dell'euro causato dall'arresto della produzione e del consumo dopo la proliferazione delle misure di contenimento porterà a una rapida esplosione dei disavanzi pubblici di ciascuno degli Stati membri. Era imperativo che la Banca centrale inviasse un messaggio inequivocabile affinché i mercati finanziari comprendessero che avrebbe svolto il suo ruolo in modo intangibile per accompagnare queste eccezionali misure di sostegno.
Una sfortunata comunicazione di Christine Lagarde, il 12 marzo, aveva messo in dubbio la sua determinazione. Il presidente della BCE aveva affermato che non era suo compito restringere lo spread tra il tasso delle obbligazioni tedesche e quello dei Paesi più deboli. L'errore è stato immediatamente interpretato come una riluttanza ad assumere una certa solidarietà all'interno della zona euro, provocando enormi vendite di debito italiano e un aumento del suo rendimento nel momento in cui Roma avrebbe dovuto ricorrere a ingenti prestiti.
Ci sono volute solo poche ore per Christine Lagarde per fare il suo “mea culpa” e alcuni giorni per finalmente mettere le sue azioni in linea con le sue ambizioni per salvare la moneta unica "whatever it takes " ("qualunque cosa serva"). Fino ad ora, si era accontentata di ripetere la famosa formula del suo predecessore, Mario Draghi, pronunciata durante la crisi del debito sovrano del 2011. Questo massiccio piano di emergenza costituisce il miglior assegno di deposito possibile per sostenere il suo scopo.
Se il presidente della BCE è stata pesantemente criticata per la sua comunicazione, dobbiamo tuttavia rendere omaggio alla sua capacità di ottenere un consenso sulla necessità di colpire duramente. Quello non era un dato acquisito. Le decisioni appena prese rompono diversi tabù su cui né la Germania né i Paesi Bassi erano pronti a rinunciare. Spingendo i limiti del riacquisto del debito, la BCE rende la politica monetaria porosa alle decisioni di bilancio. L'istituzione diventa di fatto un acquirente di ultima istanza. Anche se è temporanea ed eccezionale, è una vera rivoluzione.
L'impulso sarà decisivo per aiutare a smorzare lo shock della crisi in arrivo. Venerdì 20 marzo la Commissione europea ha assunto la direzione, autorizzando gli Stati a liberarsi dalle norme dell'UE sulla disciplina di bilancio. Spetta ora agli Stati membri giocare attuando politiche di recupero per far fronte alle sfide. A differenza della crisi del 2008, questa volta non si può dire che l'Europa abbia reagito lentamente.

(editoriale del quotidiano Le Monde del 21/03/2020)
 
 
STATI UNITI D'EUROPA IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori