testata ADUC
Europa. Redenzione o caduta
Scarica e stampa il PDF
Stati uniti d'europa di Redazione
10 marzo 2019 16:24
 
 I redentori dell'Europa costituiscono una lunga genìa di persone pericolose. L'Europa nel suo insieme o nei suoi particolari, non importa. I redentori sono a volte molto sciocchi e a volte molto intelligenti, è la stessa cosa. Invocano sempre valori, culture, tradizioni presumibilmente vitali. Esaminiamo, ad esempio, il caso di Martin Heidegger (1889-1976), un filosofo tedesco che ha segnato il ventesimo secolo. Nel 1927, prima di compiere 40 anni, pubblicò “Essere e tempo”, un'opera di straordinaria influenza. Era indubbiamente un uomo intelligente. Nel 1931 scrisse questo in una lettera privata: "[Adolf Hitler] ha un istinto politico sicuro e notevole, e lo ha fatto anche quando gli altri erano nella nebbia, è impossibile negarlo. Il movimento nazionalsocialista guadagnerà presto una forza completamente diversa. Non si tratta di mera politica partigiana, si tratta della redenzione o caduta dell'Europa e della civiltà occidentale. Chi non lo capisce merita di essere schiacciato dal caos."
Ok, Heidegger era un nazista. Lo sapevamo già. La cosa interessante è la sua percezione che l'Europa e la civiltà occidentale si trovassero di fronte a una tragica alternativa, redenzione o caduta, e la formula che sembrava più utile per riscattarla: il nazismo. In generale, i catastrofisti tendono a proporre soluzioni catastrofiche. Chiaramente, negli anni '30 del secolo scorso, l'Europa stava affrontando una crisi molto seria. I vecchi imperi erano caduti in un'orgia di sangue (1914-1918), un totalitarismo in espansione si stava stabilendo in Russia e la devastante crisi economica sembrava eterna. La brama di qualcosa di nuovo è normale. Anormale è la scommessa, come molti hanno fatto, per un pazzo come Adolf Hitler e la sua banda di assassini carismatici.
La lettura del libro “Time of Wizards”, di Wolfram Eilenberger, provoca un certo disagio. Eilenberger affronta il decennio dal 1919 al 1929, nel quale, sotto gli effetti dell'orrore della guerra, diversi filosofi dell'Europa centrale volevano fare una rivoluzione e cambiare radicalmente i sistemi di pensiero. Il lavoro si concentra su quattro di essi: il già citato Heidegger, Ludwig Wittgenstein, Walter Benjamin ed Ernst Cassirer. Lasciando da parte le questioni metafisiche o ermeneutiche, la cosa straordinaria è che queste quattro persone sono state completamente traumatizzate dalla mattanza (Wittgenstein l'aveva vista da molto vicino) e ispirate da un sentimento apocalittico. Si sentivano vicini alla fine del mondo. In qualche modo lo erano: quello che accadde dopo il 1939 marcò come piccoli tutti i terrori precedenti. Intellettualmente, siamo figli e nipoti di queste persone spaventate.
Viviamo in un mondo molto diverso da quello. Eppure, la "redenzione o caduta dell'Europa e della civiltà occidentale" continua a risuonare. I due concetti in cui Heidegger si rifugiò dopo la caduta del nazismo, "patria" e "tradizione" mantengono il loro valore nel mercato politico. Senza che ci sia alcuna minaccia esistenziale, la paura vende bene: ascoltando certi discorsi, si finisce per credere che il mondo sta andando all'inferno. Sebbene la sua forza sia molto più piccola di quanto pretenda, l'estrema destra riemerge ovunque, da Le Pen a Puigdemont, da Abascal ai brexiteers. I redentori proliferano. Vale la pena ricordare ciò che abbiamo detto prima: chi formula diagnosi catastrofiche tende a proporre soluzioni catastrofiche.

(articolo di Enric Gonzalez, pubblicato sul quotidiano El Pais del 10/03/2019)
 
 
STATI UNITI D'EUROPA IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori