testata ADUC
Stati Uniti d'Europa. Draghi critica Astrazeneca e bacchetta l'Austria. Bene
Scarica e stampa il PDF
Stati uniti d'europa di Primo Mastrantoni
26 marzo 2021 14:27
 
  "I cittadini europei hanno la sensazione di essere stati ingannati da alcune case farmaceutiche", ha dichiarato il Presidente del Consiglio, Mario Draghi.
Si riferisce alla casa farmaceutica anglo-svedese Astrazeneca.
E' un eufemismo, che si confà alla carica istituzionale, per dire imbrogliati.

I dati sono eloquenti: Astrazeneca si era impegnata a fornire alla Ue, 120 milioni di dosi di vaccino nel primo trimestre di quest'anno. Ad oggi, a 5 giorni dalla fine del trimestre, ne ha consegnate solo 18 milioni, cioè il 15% di quanto concordato.
Ci siamo impegnati "al meglio", dichiara Astrazeneca. Insomma, secondo Astrazeneca rispettare un contratto al 15% è "al meglio".
Ci sarebbero gli estremi per trascinare Astrazeneca in tribunale.

Sono stati, invece, rispettati gli impegni assunti da Pfizer e Moderna.

Qualcuno ricorderà che, a inizio mese, i media riportavano titoloni sull'Austria che voleva sganciarsi dal coordinamento europeo per la fornitura dei vaccini. La storia è altra, ed è venuta fuori.
L'Austria aveva rinunciato a dosi del vaccino Pfizer per affidarsi a quelle del vaccino Astrazeneca, che costa meno.
 La mossa autonomista (sganciarsi dalla Ue) del cancelliere austriaco Sebastian Kurz, serviva a premere sulla Commissione europea per prendersi  dosi di vaccino Pfizer al quale aveva rinunciato.
Il presidente Draghi ha riposto con un deciso "no". Insomma, i furbi non vanno premiati.

Non possiamo che apprezzare.
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
STATI UNITI D'EUROPA IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori