testata ADUC
Stati Uniti d'Europa. Meglio perdere Regno Unito, Ungheria e Polonia che piegarsi alle loro condizioni
Scarica e stampa il PDF
Stati uniti d'europa di Primo Mastrantoni
9 dicembre 2020 12:37
 
  Winston Churchill (1894-1965), premier britannico nella Seconda Guerra Mondiale, in un discorso tenuto poco dopo la fine del conflitto, proponeva il "rimedio" per evitare di ripetere gli errori del passato.

"Qual è questo rimedio?" Si chiedeva.

"Esso consiste nella ricostruzione della famiglia dei popoli europei o in quanto più di essa possiamo ricostituire, e nel dotarla di una struttura che le permetta di vivere in pace, in sicurezza e in libertà. Dobbiamo creare una specie di Stati Uniti d'Europa."

Sono passati 70 anni dal quel discorso e il Regno Unito ha deciso di uscire dalla Unione europea, proprio in epoca di globalizzazione, nella quale l'integrazione delle politiche europee è piu' che mai necessaria. Il Regno Unito, ora, dovrà confrontarsi con gli USA, con la Cina e con l'Ue.
L'Impero britannico, che dominava il Mondo, non c'è più ma il popolo britannico vi è ancora affezionato. Quando si accorgerà che non conviene, tornerà.

Un problema, per certi versi più importante e grave, è rappresentato dalla volontà di Ungheria e Polonia di non volere attuare le norme comunitarie sul rispetto dello Stato di diritto, fondamento sul quale poggia l'Ue.
Deve essere un lascito del periodo nel quale vigeva la dittatura comunista dove lo Stato di diritto non esisteva.
Ungheria e Polonia sono beneficiari netti dei finanziamenti europei, cioè di tutti gli altri membri dell'Ue, e pretendono di disattendere le norme comunitarie che loro stessi hanno sottoscritto.

E' bene che questi Paesi lascino l'Ue. Avranno tempo e modo per ripensarci.
L'Ue non può ipotecare il proprio futuro cedendo a richieste mercantili o accettando la violazione di principi sui quali si è costituita l'Unione stessa.

Prendiamo dalle parole di Churchill: ricostruire dalla famiglia dei popoli europei o in quanto più di essa possiamo ricostituire.
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
STATI UNITI D'EUROPA IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori