testata ADUC
Stati Uniti d'Europa. Regno Unito, Brexit e pandemia. Dove vanno i britannici?
Scarica e stampa il PDF
Stati uniti d'europa di Primo Mastrantoni
8 giugno 2020 13:02
 
 Essere stato. E' l'infinito passato del verbo essere e ci ricorda il Regno Unito. Un tempo era l'Impero Britannico, esteso dalle Americhe all'Australia, dall'Egitto al Sud Africa, dall'India all'Irlanda. Oggi si limita al Regno Unito, minato da fermenti autonomistici della Scozia e dell'Irlanda del Nord.

Il Regno Unito rappresenta il 3,2% del Pil mondiale, a fronte di colossi quali gli Usa, la Cina e la stessa Unione europea ma, quattro anni fa, si svolse il referendum per la Brexit, i cui negoziati sono ancora in corso per definirne le modalità e il tutto è complicato dall'impatto della pandemia sul tessuto sociale ed economico britannico che, per tre quarti, è dato dal settore dei servizi. 

Quali scelte geopolitiche ed economiche per il Regno Unito? Gli Usa dell'America First? La Cina espansiva di Xi? Un ritorno in ambito europeo? O una posizione indipendente, memore dei fasti antichi, ma che deve fare i conti con la realtà?

Non ci pare che l'attuale dirigenza politica britannica, in particolare del premier Boris Johnson, abbia la capacità di trovare spazi per una posizione indipendente. Si è visto da come ha affrontato la pandemia e abbiamo serie perplessità sulla capacità di affrontare quella economica.

Dicevano, nel Regno di Sua Maestà, che la nebbia sulla Manica isolava l'Europa, ora, per volontà britannica, ha isolato il Regno Unito.

CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
STATI UNITI D'EUROPA IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori