testata ADUC
Stati Uniti d'Europa. Ungheria: vuole i soldi ma non rispetta le regole
Scarica e stampa il PDF
Stati uniti d'europa di Primo Mastrantoni
30 settembre 2020 13:45
 
  Intascare i soldi e non pagare pegno. Possiamo così sintetizzare la posizione del governo ungherese, guidato dal premier Viktor Orban.

Dove è lo squilibrio? Vediamo.

L'Unione europea si è dotata di regole che tutti devono rispettare, tra queste ci sono quelle che riguardano lo stato di diritto, cioè l'insieme delle regole che assicurano la salvaguardia e il rispetto dei diritti e delle libertà della persona.

L'Ue contribuisce allo sviluppo dei singoli Stati, finanziando quelli economicamente svantaggiati.

I contributi comunitari sono, però, legati al rispetto delle regole europee da parte degli Stati membri.

Uno di questi stati è l'Ungheria, che è un ricevitore netto, vale a dire che riceve più di quello che versa: 5 volte tanto.
In sintesi, contribuisce con 1 e riceve 5, ma è riottosa a rispettare le norme sulla stato di diritto, tant'è che l'Ue ha avviato una procedura sanzionatoria.

Il problema si è ripresentato in relazione ai fondi del Recovery Fund (Next Generation EU).

Il Parlamento europeo vuole che i fondi europei siano legati a condizionalità severe sul rispetto dello stato di diritto.
Il premier Orban si oppone, minacciando di non votare il bilancio europeo legato al Recovery Fund dal quale, tra l'altro, dipendono i 209 miliardi per l'Italia (81 in sussidi e 127 in prestiti).

Oggi la Commissione europea dovrebbe adottare la relazione sulla attuazione dello stato di diritto negli Stati membri dell'Ue.
Vedremo cosa scriverà sull'Ungheria.
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
STATI UNITI D'EUROPA IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori