testata ADUC
Animali da compagnia e da fattoria. Nuove pericolose varianti covid?
Scarica e stampa il PDF
Vita da cani di Redazione
7 luglio 2021 10:07
 
Le persone sono andate nel panico per il COVID-19 negli animali sin dall'inizio della pandemia. Ora ci sono molte prove che SARS-CoV-2, il coronavirus che causa il COVID-19, può passare dall'uomo ad altri animali. Fenomeno noto come spillback. Il virus è in grado di infettare una vasta gamma di specie, dai criceti ai gorilla. È rassicurante che la stragrande maggioranza degli animali non si ammala gravemente a causa di un'infezione come fanno gli umani. Inoltre, al momento ci sono pochissimi casi documentati di animali che poi trasmettono l'infezione all'uomo. Ma ora è in discussione un nuovo aspetto: e se SARS-CoV-2 potesse replicarsi inosservato negli animali e mutare? Potrebbero emergere nuove varianti in grado di reinfettare gli umani e creare più scompiglio?
La SARS-CoV-2 si è evoluta negli esseri umani durante la pandemia, determinando l'emergere di molte nuove varianti, e ci sono due fattori che sembrano aver aiutato a far emergere le varianti. Il primo è il vasto numero di infezioni nelle persone in tutto il mondo, poiché il virus ha la possibilità di mutare ogni volta che si riproduce. Il secondo è il numero molto più ridotto di infezioni croniche che si verificano in persone il cui sistema immunitario non è completamente funzionante. Di fronte a un sistema immunitario debole, il virus non viene eliminato rapidamente e quindi ha il tempo di sviluppare modi per eludere l'immunità.
È possibile che questi scenari di evoluzione si stiano verificando anche negli animali, ma che non siamo a conoscenza del loro verificarsi? Per capire se questo è un rischio, dobbiamo prima sapere quante infezioni si verificano negli animali. Ciò aiuterà a identificare qualsiasi possibile serbatoio nascosto del virus. A tal fine, le infezioni da SARS-CoV-2 negli animali sono oggetto di studi approfonditi in molti luoghi del mondo. Gli scienziati stanno studiando esattamente quali specie sono suscettibili all'infezione e quanto sia comune il virus nelle diverse popolazioni animali. Per scoprire quali specie sono sensibili, molti animali diversi, sia domestici che selvatici, sono stati esposti al virus in contesti sperimentali. Ciò ha fornito una comprensione completa di esattamente quali animali possono essere infettati, inclusi gatti, furetti, topi cervi e cervi dalla coda bianca. E per scoprire quanto siano comuni le infezioni animali, viene utilizzato anche lo screening per gli anticorpi SARS-CoV-2 per scoprire animali che sono stati precedentemente esposti naturalmente al virus.
La maggior parte degli studi sulle infezioni naturali negli animali si è concentrata su cani e gatti, poiché queste sono le specie che vivono più a stretto contatto con l'uomo. Una recente prestampa nel Regno Unito (una ricerca ancora da esaminare da parte di altri scienziati) ha rilevato che solo sei su 377 cani e gatti da compagnia testati tra novembre 2020 e febbraio 2021 avevano anticorpi specifici per SARS-CoV-2. Ciò dimostra che l'infezione non è diffusa e passa inosservata nella maggior parte dei nostri animali domestici.
I primi risultati di un altro studio nei Paesi Bassi (anch'esso ancora in attesa di revisione) hanno rilevato tassi più elevati di anticorpi negli animali testati (54 su 308 cani e gatti erano positivi), ma probabilmente a causa di diverse strategie di campionamento.
La ricerca nel Regno Unito ha studiato campioni di sangue da un insieme casuale di animali, mentre lo studio olandese ha campionato specificamente gli animali domestici nelle case di persone infette da COVID-19. Quindi è ragionevolmente sicuro affermare che è improbabile che i nostri animali domestici agiscano come un serbatoio significativo di infezioni in corso che potrebbero consentire l'emergere di nuove varianti.
Ma che dire delle altre specie? L'animale che ha destato più preoccupazione è il visone. Gli unici casi documentati di animali che diffondono SARS-CoV-2 alle persone coinvolgono questi animali. Identificati per la prima volta nei Paesi Bassi nel maggio 2020, le varianti correlate al visone sono state identificate in Danimarca nel novembre 2020. Per fortuna, misure di contenimento altamente efficaci hanno rapidamente tenuto sotto controllo le infezioni da visoni in queste aree, ma questi animali dovranno continuare a essere monitorati da vicino.

Gli animali possono essere immunodepressi?
E l'altra fonte di varianti del virus: i casi cronici di COVID-19? Potrebbero verificarsi negli animali, consentendo una maggiore evoluzione del virus all'interno di un singolo ospite? In genere, le infezioni croniche da SARS-CoV-2 si verificano in persone il cui sistema immunitario non è completamente funzionante, spesso a causa di altre condizioni mediche che hanno o per via dei trattamenti che stanno ricevendo. Questi pazienti immunodepressi ricevono quindi un'ampia assistenza medica durante tutta la loro infezione. Gli animali possono anche essere immunodepressi per tutta una serie di ragioni, ma anche gli animali domestici più amati raramente subiscono il tipo di ospedalizzazione estesa che potrebbe consentire l'evoluzione virale.
Per quanto riguarda l'immunosoppressione in altri animali, come la fauna selvatica, questo sarebbe uno svantaggio significativo per la sopravvivenza. È improbabile che gli animali con un sistema immunitario compromesso sopravvivano abbastanza a lungo da consentire l'evoluzione di un virus acuto come SARS-CoV-2. Tuttavia, sono state segnalate mutazioni minori nelle infezioni sperimentali (di nuovo nelle prime ricerche in attesa di revisione), suggerendo che una certa evoluzione è teoricamente possibile anche in un breve lasso di tempo.
Andando avanti, è essenziale continuare la sorveglianza per SARS-CoV-2 in tutti i tipi di popolazioni animali. Particolare attenzione dovrebbe essere rivolta agli animali che vivono più a stretto contatto con le persone: sono gli animali domestici e gli animali da allevamento che hanno maggiori probabilità di essere accidentalmente esposti a dosi elevate di virus da una persona infetta. Particolare attenzione deve essere prestata anche alla fauna selvatica nota per essere suscettibile alle infezioni. Se sorgono prove di diffusione naturale animale-animale o di infezioni croniche negli animali, devono essere introdotte rapidamente misure di controllo rigorose. Al momento, non è necessario prendere in considerazione strategie di controllo globale simili per gli animali come quelle utilizzate negli esseri umani, ma dovremmo mantenere l’allerta per il futuro.

(Sarah L Caddy - Clinical Research Fellow in Viral Immunology and Veterinary Surgeon, University of Cambridge – su The Conversation del 06/07/2021)
 
CHI PAGA ADUC
l’associazione non percepisce ed è contraria ai finanziamenti pubblici (anche il 5 per mille)
La sua forza sono iscrizioni e contributi donati da chi la ritiene utile

DONA ORA
 
 
VITA DA CANI IN EVIDENZA
 
AVVERTENZE. Quotidiano dell'Aduc registrato al Tribunale di Firenze n. 5761/10.
Direttore Domenico Murrone
 
ADUC - Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori